© franciscan cyberspot


 MENU
  *Indice
  * Prefazione
  * Vangeli
  * Scavi
  * Nome
  * Identif.
  * Villaggio
  * Occupaz.
  * Abitanti
  * Sin. 4 sec.
  * Sin. 1 sec.
  * Ins. Sacra
  * Case
  * Domus-Eccl.
  * Chiesa
  * Conclusione

 SCAVI
 * 2000 - 2003

 ARTICOLI
  * Il Memoriale
 
  * Immagini 1
  * Immagini 2
  * Immagini 3
  * Immagini 4

PERIODI DI OCCUPAZIONE

I principali resti archeologici di Cafarnao coprono un periodo di quindici secoli, dal quinto secolo a. C. fino al decimo secolo d. C. D'altra parte, questa fase centrale d'occupazione che ha visto lo sviluppo e l'espansione del villaggio in tutte le direzioni, fu preceduta e seguita da qualche resto che ne amplia di molto l'orizzonte cronologico. Le selci paleolitiche trovate nel 1984 danno una datazione di varie migliaia d'anni prima dell'era cristiana. Cocci dell'inizio del terzo millennio con decorazione a fasce parallele attestano che il sito era visitato dall'uomo nel periodo cruciale dello sviluppo della vita urbana in Terra Santa (principio dell'età del bronzo). Più consistenti sono i resti del secondo millennio. Fino ad oggi non si è trovata alcuna traccia d'occupazione per il periodo israelitico (1200-587 a. C.).

A milling stone

Il quinto secolo a. C. segna l'inizio di un periodo d'occupazione molto lungo. Resti del periodo persiano sono stati trovati sotto la sinagoga, sotto la chiesa ottagonale, nell'insula n. 2 e particolarmente, a occidente di quell'insula (zona ora ricoperta). Da questo nucleo originario Cafarnao si estese in tutte le direzioni nel corso dei secoli successivi. Ovviamente Cafarnao non è nata come un'entità interamente sviluppata, ma ha conosciuto una graduale espansione. Col passare del tempo si sostituivano completamente le vecchie case con le nuove, oppure venivano rinforzati i vecchi muri e si rinnovavano i pavimenti di pietra. Fino al presente non esiste una testimonianza archeologica inequivocabile di una violenta e generale distruzione del villaggio durante il periodo romano e bizantino, sia a causa di guerre, sia per calamità naturali. Nessuna improvvisa distruzione ha segnato il passaggio al periodo arabo nel settimo secolo: alcuni quartieri del villaggio furono effettivamente abbandonati; d'altra parte varie case bizantine rimasero in uso anche durante una parte del periodo arabo.

Sotto i sovrani ommaiadi di Damasco, Cafarnao era ancora largamente abitata, anche se, probabilmente durante questo periodo e per cause tutt'altro che chiare, sia la sinagoga che la chiesa ottagonale cessarono di essere funzionali. Con l'avvento della dinastia abasside di Baghdad nella seconda metà dell'ottavo secolo inizia il graduale declino di Cafarnao. Alcune strutture del dodicesimo e tredicesimo secolo sono state da noi incontrate, ma resta il fatto che il villaggio in quanto tale era oramai un cumulo di rovine.

Altro Pietre di macinare




© copyright 2001. Text written by Fr. Stanislao Loffreda ofm. Reproduction, retrieval or redistribution of this material is not permitted without prior permission of the author reachable at the Studium Biblicum Franciscanum (sbfnet@netvision.net)



  Cafarnao Menu Altri Santuari  


 

Please fill in our Guest book form - Thank you for supporting us!
Created/Updated September, 2005 by John Abela ofm, E.Bermejo, E.Alliata, Marina Mordin
Web site uses Javascript and CSS stylesheets - Space by courtesy of Christus Rex

© The Franciscans of the Holy Land and Malta

cyber logo footer