Via Dolorosa - POB 19424, 91193 - JERUSALEM Tel. +972 2-6270485, +972-2-6270444, Fax: +972-2-6264519


SBF


Info

Professors

Programmes

Archaeology

Museum

Publications

Dialogue

Escursions

Pilgrims

Essays

Students

News

Memos

Latest

ALLA SCOPERTA DELL'ANTICA STORIA DI GAZA




Per l'intera calda estate archeologi hanno scavato e setacciato le dune ai margini di Gaza City.

Gradualmente pareti, abitazioni e i tracciati dei vicoli sono emersi dalla sabbia. Questi rappresentavano l'ossatura dell'antica città greca di Antedon, e furono la testimonianza della straordinaria ricchezza del passato di Gaza.

Non passarono soltanto i Greci per questo luogo. I faraoni dell'antico Egitto, i Persiani, i Romani, i Crociati, i Turchi, gli Inglesi e molti altri hanno lasciato la loro impronta su Gaza.

È stata definita come una delle più antiche città contemporanee del mondo. Gli strati di civilizzazione si trovano sotto le sue vie trafficate e gremite di schiere di condomini mal fatti.

Eredità 'trascurata '
È un'eredità quasi del tutto trascurata.
Nel mondo Gaza è vista soltanto come un luogo segnato da profondi contrasti - un'arena sanguinante nel braccio di ferro dei Palestinesi con Israele.
Ma ora si stanno facendo sforzi per presentarne un'immagine più completa.
Le autorità palestinesi hanno approvato un piano per realizzare un museo archeologico nazionale in Gaza.
Il terreno per la costruzione è stato assegnato e le Nazioni Unite stanno contribuendo a sviluppare il progetto.
"La gente nel mondo ha visto Gaza attraverso la televisione come un luogo di violenza e anarchia," dice il direttore del programma di sviluppo delle Nazioni Unite in Gaza, Khalid Abdul Shafi.
"Sì c'è stata violenza. Ma esiste un'altra faccia di Gaza - c'è cultura, archeologia e storia."

Plasmata dalla posizione
La pressione demografica nella piccola striscia di Gaza è intensa e non vi sono dubbi che su numerosi siti archaeologici sono state costruite abitazioni che ne hanno determinato la perdita.
"Ma, secondo gli esperti, quanto è ancora sotto terra e sotto il mare è più, molto di più, di quanto è stato scoperto finora," dice Mr. Abdul Shafi.
"E' un'occasione per scoprire delle cose e metterle in un luogo come un museo nazionale, ed è a questo che stiamo mirando."
Per più di 3.500 anni la storia di Gaza è stata influenzata dalla sua posizione.
Si trova sull'itinerario che collega l'Africa settentrionale con le terre più verdi del Vicino Oriente a nord.
Ciò rese Gaza importante dal punto di vista strategico, in primo luogo per i Faraoni egiziani e poi per molti altri che cercarono di esercitare il potere nella regione.
"Si trovò ad essere oggetto di continui assedi - continue battaglie," dice Gerald Butt, autore dell'ultima storia dell'area, Gaza a un crocevia.
"La gente è stata soggetta al dominio di popolazioni provenienti da ogni parte del globo. Lungo tutti i secoli Gaza è stata al centro delle principali campagne militari nel Mediterraneo orientale."
Per esempio, chiunque desiderava attaccare la splendida civiltà dei Faraoni sul Nilo doveva prima prendere Gaza.
Era l'ultimo posto dove le truppe avrebbero avuto un agevole accesso all'acqua prima della lunga e dura marcia attraverso le sabbie della penisola del Sinai.
Centro di civilizzazione
Oggi sulla strada principale di Gaza tassì scassati circolano martellando i sorpassati carretti con l'asino e producendo suoni squillanti con i loro clacson verso i pedoni.
Non sembrerà una cosa abbastanza degna di nota in questo momento, ma è in realtà una delle più antiche strade del mondo.
I carri degli eserciti dei Faraoni e di Alessandro Magno, i cavalieri crociati e perfino Napoleone Bonaparte tutti hanno percorso a cavallo questo itinerario, che ora è chiamato, dopo il famoso generale musulmano, Al-al-Din di Salah.
Gaza ha conosciuto anche periodi di pace e di prosperità.
Nell'età in cui la famosa biblioteca di Alessandria stava guadagnandosi una reputazione come centro di civilizzazione, appena dall'altra parte del Sinai, Gaza era conosciuta anche come sede di studio e di cultura.
Fu utilizzata come porto all'estremità di una strada commerciale che collegava la penisola araba con il mondo mediterraneo.
La città commerciava in pesci, schiavi e incenso di gran valore - prodotti nelle montagne di quei paesi che ora sono lo Yemen e l'Oman.
Gaza resiste
Ma, se il nuovo museo in progetto sarà costruito, rivelerà uno schema di invasione e di conquista che si ripete, lunghi periodi di occupazione di eserciti stranieri ed il loro ritiro finale.
E pochi mesi fa, la gente del luogo è stata testimone di un'altra svolta di quel ciclo storico.
In conformità con il piano "a disimpegnarsi" dalla striscia di Gaza, Israele ha abbandonato gli insediamenti che vi aveva costruito in violazione del diritto internazionale.
Le truppe israeliane che avevano occupato Gaza per decine di anni si sono ritirate.
E' stato un evento che richiamava alla memoria che, per migliaia di anni, eserciti son venuti ed eserciti son partiti - ma la malconcia, antica Gaza ha resistito.

Testo: adattamento di R.P.

 Alan Johnston, Gaza's ancient history uncovered, BBC News (22 ottobre 2005)



 SBF main, Taccuino

cyber logo footer
Please fill in our Guest book form - Thank you for supporting us!
Created/updated: Saturday, December 8, 2001 by J. Abela ofm / E. Alliata ofm
This page makes use of Javascript and Cascading Style Sheets - Space by courtesy of Christus Rex
logo