Via Dolorosa - POB 19424, 91193 - JERUSALEM Tel. +972 2-6270485/444
Fax: +972-2-6264519; E-mail: secretary@studiumbiblicum.org

Programma Anno Accademico 2004-2005

"Ordo Anni Academici" in formato Acrobat: ordo2004.pdf - 1.8 Mb
"Programma" pieghevole in formato Acrobat:
depliant2004.pdf - 248 Kb


DESCRIZIONE DELLE MATERIE
  Lingue bibliche
  Esegesi AT
  Esegesi NT
  Teologia Biblica
  Corsi di introduzione e metodologia
  Storia dell'esegesi
  Ambiente biblico
  Seminari
  Escursioni

Note: MOST courses are held in Italian

Programma dell'anno accademico 2004-2005

DESCRIZIONE DELLE MATERIE

LINGUE BIBLICHE

  • */**Morfologia ebraica.
    Fonologia; morfologia: articolo, preposizioni, pronome, nome, aggettivo, verbo forte, verbo debole, classificazione dei nomi, avverbio, congiunzione, interiezione; alcune nozioni di sintassi; introduzione pratica alla massorah (BHS). Traduzione di brani scelti e dei libri di Rut e Giona per intero.
    La preparazione degli studenti verrà saggiata tramite test settimanali che sostituiranno l’esame finale.

      Bibl.: G. Deiana - A. Spreafico, Guida allo studio dell’ebraico biblico, Roma 19923 ; A. Niccacci - M. Pazzini, Il Rotolo di Rut - twr tlgm - Analisi del testo ebraico, Jerusalem 2001; M. Pazzini, Analisi grammaticale del libro di Giona (dispensa del docente), Gerusalemme 2004; Id., “La Massorah del libro di Rut”, LA 51 (2001) 31-54 (disponibile anche in rete). Per la consultazione: P. Joüon - T. Muraoka, A Grammar of Biblical Hebrew. Part One: Orthography and Phonetics; Part Two: Morphology. Part Three: Syntax, Paradigms and Indices, 2 voll. Roma 1991; F. Brown - S.R. Driver - C.A. Briggs (BDB), Hebrew and English Lexicon with an Appendix containing the Biblical Aramaic, Oxford 1907 (l’ed. americana [Peabody 1979] contiene aggiunte e miglioramenti); A. Even-Shoshan, A New Concordance of the Bible. Thesaurus of the Bible Hebrew and Aramaic Roots, Words, Proper Names Phrases and Synonyms, Jerusalem 1981 (III ed. in tre diversi formati). Altra bibliografia (grammatiche, dizionari e concordanze) sarà fornita all’inizio del corso. Procurarsi un’edizione della Biblia Hebraica Stuttgartensia (BHS5, a cura di A. Schenker, 1997).

      M. Pazzini


  • */**Sintassi ebraica (elementare) A-B: Lettura di testi di prosa e di poesia con la guida di una dispensa del professore (abbreviazione della sua Sintassi del verbo). Dopo una rapida presentazione della teoria, il corso consiste essenzialmente nella lettura continua di testi.

      Bibl.: A. Niccacci, Sintassi del verbo ebraico nella prosa biblica classica, Jerusalem 1986 (o ed. ingl.); Id., Lettura sintattica della prosa ebraico-biblica. Principi e applicazioni, Jerusalem 1990 (o ed. spagnola); W.G.E. Watson, Classical Hebrew Poetry, Sheffield 1984.

      A. Niccacci


    *Sintassi ebraica (elementare) C: Il corso si propone di aiutare gli studenti a familiarizzare con i vari aspetti dell’analisi testuale dell’ebraico biblico. Scopi principali sono: (1) Continuazione dello studio della grammatica ebraica: sarà posta enfasi sul lavoro dei masoreti e sul rapporto tra le varie parti della proposizione e verranno presentati modelli per l’analisi del sistema verbale alternativi a quello studiato finora; (2) Allargamento dell’orizzonte guardando oltre l’ebraico biblico in tradizione masoretica: testi biblici di Qumran, della tradizione samaritana ed in trascrizione; materiale epigrafico, testi non-biblici di Qumran ed ebraico mishnico; (3) Approfondimento dei vari aspetti grammaticali attraverso la lettura cursiva di brani scelti: Gen 16; Num 23 e 24; Giud 4 e 5; Sal 30 e 104; Is 7; Dan 8.

      Bibl.: L. McFall, The Enigma of the Hebrew Verbal System: Solutions from Ewald to the Present Day, Sheffield 1982; I. Yeivin, Introduction to the Tiberian Masorah, Atlanta 1980. Altra bibliografia sarà fornita all’inizio del corso. Dispensa del docente.

      G. Geiger


  • */**Sintassi ebraica: corso avanzato.
    La prosa biblica. Sintassi del verbo secondo la “linguistica testuale” di H. Weinrich applicata all’ebraico: narrazione e discorso. La proposizione. La narrazione ebraica: inizio, prosecuzione; catena narrativa e sue interruzioni; livelli narrativi. - La poesia biblica. Criteri per distinguerla dalla prosa. Principi costitutivi del verso: parallelismo e tecniche compositive. Il valore delle forme verbali. - L’esposizione teorica viene affiancata dalla lettura di testi di prosa e poesia.

      Bibl.: A. Niccacci, Sintassi del verbo ebraico nella prosa biblica classica, Jerusalem 1986 (ed. inglese aumentata, 1990; ed. spagnola corretta e aggiornata, 2002); A. Niccacci, Lettura sintattica della prosa ebraico-biblica. Principi e applicazioni, Jerusalem 1990; W.G.E. Watson, Classical Hebrew Poetry, Sheffield 1984.

      A. Niccacci


  • */**Greco biblico elementare. Fondamenti di fonetica e morfologia del greco del NT:
    fonetica e pronuncia - il nome - il verbo.
    Il corso ha lo scopo di condurre gli studenti ad una sicura padronanza della morfologia della grecità biblica e dell’analisi delle varie parti del discorso. Durante l’anno gli studenti verranno esaminati sia oralmente, sugli esercizi assegnati di volta in volta, sia per iscritto mediante test svolti senza l’ausilio di vocabolario. Ogni test riguarderà la materia trattata in due lezioni del manuale adottato. In base al programma svolto, agli esercizi assegnati verranno aggiunti uno o più versetti tratti dalle letture domestiche, che vanno lette e studiate per intero. Per l’esame di profitto (orale) gli studenti saranno interrogati su tutti gli esercizi svolti durante il corso e su brani scelti delle letture domestiche. Il voto sarà stabilito in base alla valutazione dei test e della prova orale finale.

      Bibl.: Edizione critica del NT greco: Novum Testamentum Graece, ed. K. et B. Aland et alii, Stuttgart 199327 (è l’ed. citata abitualmente). Manuale adottato: E.G. Jay, Grammatica greca del Nuovo Testamento (a cura di Calzecchi Onesti R.), Casale Monferrato 1993. Sussidi: J.H. Moulton, A Grammar of New Testament Greek, I: Prolegomena (opera di approfondimento filologico), Edinburgh 19083 (rist. 1978); J.H. Moulton - W.F. Howard, II: Accidence and Word-Formation with an Appendix on Semitisms in the NT, Edinburgh 1928 (rist. 1979); F. Blass - A. Debrunner - F. Rehkopf, Grammatica del Greco del Nuovo Testamento (Supplementi al “Grande Lessico del NT” 3). Ed. italiana a cura di G. Pisi. Traduzione di M. Mattioli e G. Pisi, Brescia 1982; E.M. Abel, Grammaire du Grec Biblique, Paris 1927; A.T. Robertson, A Grammar of the Greek New Testament in the Light of Historical Research, New York 19193; W. Bauer - W.F. Arndt - F.W. Gingrich, Greek-English Lexicon of the New Testament, London 1957. L. Bottin, Etymon. Lessico per radici, Milano 1997. Letture domestiche: Vangeli di Marco e Giovanni. L’esposizione della materia seguirà per lo più la disposizione delle lezioni del manuale adottato. Le lezioni potranno essere corredate da eventuali integrazioni. Quanto detto vale anche per gli esercizi.

      R. Pierri

  • Sintassi di greco biblico (NT-LXX).
    Il corso di sintassi si articola in due corsi paralleli: sintassi del caso (un’ora settimanale annuale) e sintassi del verbo (due ore settimanali annuali). Tale divisione intende favorire l’approfondimento della grecità biblica.

    */**Greco biblico. I. Sintassi del caso o della proposizione: la proposizione - le concordanze - l’articolo - i casi.
    Gli argomenti del corso verranno trattati secondo la disposizione del manuale adottato. Esso è concepito in modo da introdurre e guidare gli studenti ai fenomeni più complessi della sintassi greca. Il corso, dunque, ha carattere sistematico. Lo studio dell’analisi logica verrà favorito da uno specimen su di un capitolo di un testo del NT preparato appositamente e distribuito agli studenti all’inizio del corso. Alla fine dello svolgimento di ogni singolo argomento, concepito come modulo didattico, gli studenti saranno esaminati mediante test scritti specifici. Quanto alle letture domestiche, il professore sceglierà uno o più testi tra quelli previsti dal programma da analizzare in aula gradualmente. Su di essi gli studenti saranno interrogati di volta in volta.

      Bibl.: Edizioni critiche: Novum Testamentum Graece, ed. B. et K. Aland et alii, Stuttgart 199327; Septuaginta, ed. A. Rahlfs, Stuttgart 1935 (rist. Atene 1979; è l’ed. citata abitualmente). Manuale adottato: L. Cignelli - R. Pierri, Sintassi di greco biblico. Quaderno I.A Le concordanze (SBF Analecta 61), Gerusalemme 2003. Iid., Sintassi di greco biblico. Quaderno I.B L’articolo (SBF Analecta 61), Gerusalemme 2004; Iid., Sintassi di greco biblico (LXX e NT). I casi. Corso teorico-pratico (Dispensa SBF), Gerusalemme 2004. Sussidi: L. Tusa Massaro, Sintassi del greco antico e tradizione grammaticale, Palermo 1993 (rist. 1995); N. Basile, Sintassi storica del greco antico, Bari 2001; M. Zerwick, Graecitas biblica, Romae 1966 (oppure ed. inglese a cura di J. Smith, Rome 1990, oppure traduzione spagnola); J. H. Moulton - N. Turner, Vol. III: Syntax, Edinburgh 1963 (rist. 1976); F. Blass - A. Debrunner - F. Rehkopf, Grammatica del Greco del Nuovo Testamento (Supplementi al “Grande Lessico del NT” 3), Brescia 1982; F.C. Conybeare - G. Stock, A Grammar of Septuagint Greek (breve sintesi), Boston 1905 (rist. Zondervan 1981); H. J. Thackeray, A Grammar of the Old Testament in Greek according to the Septuagint, I: Introduction, Orthography and Accidence, Cambridge 1909 (rist. Tel-Aviv 1970; Hildesheim 1978); J. Lust - E. Eynikel - K. Hauspie - G. Chamberlain, A Greek-English Lexicon of the Septuagint, Stuttgart 2003; D.B. Wallace, Greek Grammar beyond the Basics. An Exegetical Syntax of the New Testament, Grand Rapids 1995; L. Cignelli, “La grecità biblica”, LA 35 (1985) 203-248.

      L. Cignelli

  • II. Sintassi del verbo: Sintassi del verbo o del periodo: Diatesi, tempi, modi, proposizioni principali e proposizioni secondarie.
    Gli argomenti del corso verranno trattati secondo la disposizione del manuale adottato. Esso è concepito in modo da introdurre e guidare gli studenti ai fenomeni più complessi della sintassi greca. Il corso, dunque, ha carattere sistematico. Lo studio dell’analisi del periodo verrà favorita da un specimen su di un capitolo di un testo biblico preparato appositamente e distribuito agli studenti all’inizio del corso. Alla fine dello svolgimento di ogni singolo argomento, concepito come modulo didattico, gli studenti saranno esaminati mediante test scritti specifici. Quanto alle letture domestiche, il professore sceglierà uno o più testi tra quelli previsti dal programma da analizzare in aula gradualmente. Su di essi gli studenti saranno interrogati di volta in volta. Per l’esame di profitto (orale) gli studenti dovranno dar prova di aver acquisito una sicura conoscenza della sintassi greca. Il voto sarà stabilito in base alla valutazione dei test e della prova orale finale. Letture domestiche: NT: Mt 27-28; At 5-6; Rm 5-6; 1Cor 15-16; Fil 1-4; Eb 6-7; Gc 1-5; LXX: Es 1-2; Sap 1-2; Sal 78.

      Bibl.: M. Zerwick, Graecitas biblica, Romae 1966; L. Cignelli, “La grecità biblica”, LA 35 (1985) 203-248; L. Cignelli - R. Pierri, Sintassi di greco biblico (LXX e NT). Corso teorico-pratico (Dispensa SBF), Gerusalemme 2004.

      R. Pierri

  • **Aramaico biblico. L’aramaico comprende vari dialetti di diverse epoche. La lingua dei testi biblici scritti in aramaico (soprattutto Daniele e Esdra) è il tema del corso. Esso consiste in una introduzione alla grammatica (morfologia e sintassi) e nella lettura dei testi; verranno offerti strumenti per lo studio personale più approfondito di questi testi biblici. Siccome l’aramaico è una lingua semitica vicina all’ebraico biblico, la sua conoscenza non è necessaria soltanto per la lettura degli stessi testi aramaici, ma anche per l’ebraico. Saranno date alcune indicazioni sulle possibilità (e i limiti) che offre la conoscenza di un’altra lingua semitica per la comprensione della Bibbia ebraica.
    Il corso è riservato agli studenti che hanno frequentato almeno un anno di ebraico biblico (morfologia).

      Bibl.: Manuale: A.F. Johns, A Short Grammar of Biblical Aramaic, Berrien Springs 1982. Per la consultazione: H. Bauer - P. Leander, Grammatik des Biblisch-Aramäischen, Halle 1927 (New York 19813); F. Rosenthal, A Grammar of Biblical Aramaic, Wiesbaden 1961; E. Vogt, Lexicon linguae aramaicae Veteris Testamenti documentis antiquis illustratum (completamento del dizionario di F. Zorell), Roma 1971. Dispensa del docente.

      G. Geiger


  • */**Aramaico targumico.
    Elementi di morfologia e di sintassi; lettura e traduzione di brani scelti. Il corso è riservato agli studenti che hanno già frequentato il corso di aramaico biblico.

      Bibl.: S.E. Fassberg, A Grammar of the Palestinian Targum Fragments from the Cairo Genizah, Atlanta 1991; Wm. B. Stevenson, Grammar of Palestinian Jewish Aramaic, Oxford 1966 (rist. II ed. 1962).

      G. Bissoli


  • */**Accadico A-B.
    Introduzione alla scrittura cuneiforme, grammatica (morfologia), lettura di brani scelti.

      Bibl.: T. Vuk, Introduzione alla scrittura cuneiforme (Pro manuscripto); A. Lancellotti, Grammatica della lingua accadica, Jerusalem 1982.

      T. Vuk

ESEGESI AT

  • *Isaiah 1-39. This course will study selected texts from Isaiah 1-39 within the context of the Book of Isaiah as a whole and within the context of early Israelite prophecy. There will be a particular focus on the place of Jerusalem in the preaching of the 8th century prophet and on the appropriation of Isaiah in the New Testament.

      Bibl.: B.S. Childs, Isaiah (OTL), Louisville 2001; M.A. Sweeney, Isaiah 1-39 (FOTL 16), Grand Rapids 1996; L.J. Hoppe, The Holy City. Jerusalem in the Theology of the Old Testament, Collegeville 2000; P.D. Quinn-Miscall, Reading Isaiah: Poetry and Vision, Louisville 2001.

      L.J. Hoppe


  • **Studio esegetico di Gs 24. Critica testuale, struttura, analisi letteraria, genere letterario, lettura teologica.

      Bibl.: E.W. Nicholson, God and His People. Covenant and Theology in the Old Testament, Oxford 1986; W.T. Koopmans, Joshua 24 as Poetic Narrative (JSOT 93), Sheffield 1990; M. Anbar, Josué et l’allliance de Sichem (Josue 24:1-28), Frankfurt a.Main - Bern - New York - Paris - Wien 1992; V. Fritz, Das Buch Josua (HAT I/7), Tübingen 1994; S.L McKenzie - M.P. Graham (ed.), The History of Israel’s Traditions. The Heritage of Martin Noth (JSOT 182), Sheffield 1994; E. Noort, Das Buch Joshua. Forschungsgeschichte und Problemfelder (EF 292), Darmstadt 1998.

      P. Kaswalder


  • Vedi anche:
    **La creazione motivo di lode, di riflessione, di insegnamento
    : A. Niccacci (T=EAT).
ESEGESI NT

  • *Gv 18-19. La passione nel racconto del IV Vangelo.

      Bibl.: F. Manns, L’Évangile de Jean à la lumière du Judaïsme (SBF Analecta 33), Jerusalem 1991; Id., L’Évangile de Jean et la Sagesse (SBF Analecta 62), Jerusalem 2003.

      F. Manns


  • *Jesus as the Son of God in Mark. A narrative reading of the Son of God passages of the Gospel of Mark. The methodology used here is the Narrative Criticism. With this methodological tool, the course tries to read through the Son of God passages of Mark (Mk 1:1, 11, 24; 3:11; 5:7; 9:7; 14:61-62; 15:39). Thereby it tries to bring out the functional meaning of “the Son of God” in the Markan narrative.

      Bibl.: C. Breytenbach, “Grundzüge markinischer Gottessohn-Christologie,” in Anfänge der Christologie. FS F. Hahn, ed. H. Paulsen - C. Breytenbach, Göttingen 1991, 169-184; G. Dautzenberg, “Sohn Gottes im Evangelium nach Markus,” in Id., Studien zur Theologie der Jesustradition, Stuttgart 1995, 98-105; G. Dautzenberg, “Zwei unterschiedliche ‘Kompendien’ markinischer Christologie. Überlegungen zum Verhältnis von Mk 15,39 zu Mk 14,61f”, in Id., Studien zur Theologie der Jesustradition, Stuttgart 1995, 222-239; R.M. Fowler, Let the Reader Understand, Minneapolis 1991; C.R. Kazmierski, Jesus, the Son of God. A Study of the Markan Tradition and Its Redaction by the Evangelist (FzB 33), Würzburg 1979; J.D. Kingsbury, The Christology of Mark’s Gospel, Philadelphia 1979; D. Lührmann, “Markus 14:55-64. Christologie und Zerstörung des Tempels im Markusevangelium”, NTS 27 (1991) 457-474; J. Marcus, “Mark 14:61: ‘Are You the Messiah-Son of God?’”, NT 31 (1989) 125-141; U.B. Müller, “‘Sohn Gottes’ - ein messianischer Hoheitstitel Jesu”, ZNW 87 (1996) 1-32; J.C. Naluparayil, “Jesus of the Gospel of Mark: Present State of Research”, CR:BS 8 (2000) 191-226; J.C. Naluparayil, The Identity of Jesus in Mark (SBF Analecta 49), Jerusalem 2000; M.A. Powell, “Toward a Narrative-Critical Understanding of Mark”, Interpr 47 (1993) 341-346; D. Rhoads - D. Michie, Mark as Story. An Introduction to the Narrative of Gospel, Philadelphia 1982; K. Scholtissek, “Der Sohn Gottes für das Reich Gottes”, in Der Evangelist als Theologe. Studien zum Markusevangelium, ed. T. Söding (SBS 163), Stuttgart 1995, 63-90; R.C. Tannehill, “The Gospel of Mark as Narrative Christology”, Semeia 16 (1980) 57-95; J. Zmijewski, “Die Sohn-Gottes-Prädikation im Markusevangelium. Zur Frage einer eigenständigen markinischen Titelchristologie”, SNTU 12 (1987) 5-34.

      J. C. Naluparayil


    **Lettera di Giacomo. Introduzione e lettura esegetica. Dopo una panoramica su commenti e studi degli ultimi anni, il corso prevede una “lectio cursiva esegetica” di tutta la Lettera con spunti di approfondimento su temi particolari.

      Bibl.: J. Alonso Díaz “Carta de Santiago”, in J. Leal (dir.), La Sagrada Escritura. N.T., III, Madrid 1962, 193-217; H. Frankemölle, Der Brief des Jakobus, Gütersloh - Würzburg 1994; G. Marconi, La Lettera di Giacomo, Roma 1990; R. P. Martin, James, Waco 1988; L. T. Johnson, The Letter of James, New York etc. 1995; F. Wouga, L’Épitre de Saint Jacques, Genève 1984; G.C. Bottini, Giacomo e la sua lettera. Una introduzione, Jerusalem 2000; R. Fabris, Lettera di Giacomo. Introduzione, versione, commento, Bologna 2004; G.C. Bottini, Lettera di Giacomo. Nuova versione, introduzione, commento, Jerusalem 2005 (dispensa).

      G.C. Bottini


    **Lettere pastorali: Chiese in fermento. Con l’ausilio dell’esegesi, il corso monografico, intende percorrere il tracciato teologico delle Lettere Pastorali, alla ricerca del profilo di Gesù Cristo Signore nella riflessione ecclesiale intorno alla fine del I secolo ed estrarne al tempo stesso impulsi per il servizio alla Parola e al popolo di Dio nel nostro tempo. L’attenzione al retrofondo giudaico-ellenistico e alla chiesa antica costituirà l’aspetto seminariale del corso.
    Il corso prevede un aspetto seminariale anche dal lato bibliografico. Esso consiste in una rilevazione di studi monografici dal 1995 a oggi con l’ausilio prevalentemente di New Testament Abstracts e altri strumenti d’informazione bibliografica. La lettura critica del materiale reperito e ripartito tra i partecipanti al corso verrà precisata nelle sue modalità.

      Bibl: C. Spicq, Les Épitres Pastorales I-II, Paris 1969 (retrofondo greco-romano); G. Holtz, Die Pastoralbriefe, Berlin 1986 (retrofondo giudaico); J.D. Quinn, The Pastoral Epistles. To Titus, I and II Timothy (The Anchor Bible 35), New York - London 1990; C. Marcheselli-Casale, Le Lettere Pastorali, Bologna 1995; L. Oberlinner, Le Lettere Pastorali, Brescia 1999 (con attenzione alla Chiesa antica); A. Weiser, Der zweite Brief an Timotheus, Neukirchen 2003.

      C. Marcheselli-Casale

    Vedi anche:
    **Inni paolini:
    A.M. Buscemi (T=ENT).

TEOLOGIA BIBLICA

  • *The Poor Among You. This course will examine the motif of the “poor” and “poverty” in the literature of the Old Testament. While the vocabulary of the “poor” will be an important dimension of the course, the principal aim of this study will be describe the variety of Old Testament approaches to the phenomenon of poverty in ancient Israelite and early Jewish society.

      Bibl.: L.J. Hoppe, Being Poor (Good News Studies 20), Wilmington1987; N.F. Lohfink, Option for the Poor: The Basic Principle of Liberation Theology in Light of the Bible, Berkeley 1986; L.E. Vaage, Subversive Scriptures: Revolutionary. Readings of the Christian Bible in Latin America, Valley Forge 1997.

      L.J. Hoppe


  • *La morte di Cristo e i suoi effetti nella lettera agli Ebrei. Una breve introduzione che presenta la struttura della lettera secondo lo studio di A. Vanhoye ci permette di chiarire l’alternarsi di dottrina e parenesi e il loro rapporto nel pensiero dell’Autore. La riflessione teologica, utilizzando il metodo figurativo proprio dell’Autore, presenta la morte di Gesù come il sacrificio espiatorio che porta a compimento le aspettative dell’Antica Alleanza e fonda la nuova e definitiva disposizione salvifica per cui la comunità cristiana, purificata nella coscienza, in Cristo ha libero accesso a Dio e gli offre il culto vero con un’esistenza di fede, speranza e carità.

      Bibl.: a) Commentari: H.W. Attridge, La lettera agli Ebrei. Commento storico esegetico (Letture bibliche 12), Città del Vaticano 1999; N. Casalini, “Agli Ebrei”. Discorso di esortazione (SBF An 34), Jerusalem 1992; R. Fabris, Lettera agli Ebrei, in G. Barbaglio - R. Fabris, Le lettere di Paolo. Roma 1992, ed. 2.; III, 508-774; F. Manzi, Lettera agli Ebrei (NT, Commento esegetico spirituale), Roma 2001; F.J. Schierse, Lettera agli Ebrei (Commenti spirituali del NT), Roma 1990, ed. 2; A. Strobel, La lettera agli Ebrei (NT, II serie, 9/2), Brescia 1997. b) Studi: N. Casalini, Dal simbolo alla realtà. L’espiazione dall’Antica alla Nuova Alleanza secondo Eb 9,1-14. Una proposta esegetica (SBF An 26), Jerusalem 1989; R. Fabris, “La morte di Gesù nella Lettera agli Ebrei”, in G. Danieli (a cura), Gesù e la sua morte. Atti della XXVII settimana biblica, Brescia 1984, 177-189; P. Garuti, Alle origini dell’omiletica cristiana. La Lettera agli Ebrei. Note di analisi retorica (SBF An 38), Jerusalem 1995; F. Laub, Bekenntnis und Auslegung. Die paränetische Funktion der Christologie im Hebräerbrief (BU 15), Regensburg 1980; W.R.G. Loader, Sohn und Hohepriester. Eine traditionsgeschichtliche Untersuchumng zur Christologie des Hebräerbriefes, (WMANT 53), Neukirchen-Vluyn 1981; B. Lindars, La teologia della lettera agli Ebrei (Teologia del NT), Brescia 1993; A.M. Serra, “Passione e preghiera di Cristo secondo Ebrei 5,7-10”, Serv 4 (1970) 441-448; A. Vanhoye, La stucture littéraire de l’épître aux Hébreux, Bruges 19762; A. Vanhoye, Sacerdoti antichi e nuovo sacerdote secondo il Nuovo Testamento (Saggi di Teologia), Torino 1990.

      G. Bissoli

  • **La creazione. Motivo di lode (Sir 42,15-43,33), di riflessione (Gb 36,22-37,13; 38-39), di insegnamento (nel movimento della sapienza; cf. Sal 19).

      Bibl.: A. Niccacci, La casa della sapienza. Voci e volti della sapienza biblica, Cinisello Balsamo 1994; Id., Siracide o Ecclesiastico. Scuola di vita per il popolo di Dio, Cinisello Balsamo 2000; Id., “La lode del Creatore. L’inno egiziano di Aton e la tradizione biblica”, Ephemerides Theologicae Zagrabienses 64 (1994) 137-159; Id., Giobbe 33: Elihu, un messaggio di grazia (dispensa per gli studenti), Gerusalemme 2000).

      A. Niccacci


  • **Inni paolini. Introduzione agli inni. Gli inni di Fil 2,6-11; Col 2,15-20; Ef 1,3-14; Ef 2,14-18.

      Bibl.: A. M. Buscemi, Gli inni paolini (SBF Analecta 48), Jerusalem 2000.

      A.M. Buscemi

INTRODUZIONE E METODOLOGIA

  • **Introduzione speciale all’Antico Testamento.
    La civiltà mesopotamica come sfondo storico-culturale della Bibbia.

      Bibl.: T. Vuk, Il mondo che vide nascere la Bibbia. Relazioni del popolo della Bibbia con i popoli circostanti (Pro manuscripto - SBF), Jerusalem 1996; T. Vuk, “Religione, Nazione e Stato nel Vicino Oriente Antico e nella Bibbia”, LA 40 (1990) 105-158; J. Briend - M.-J. Seux, Textes du Proche-Orient ancien et histoire d’Israel (Études annexes de la Bible de Jérusalem), Paris 1977; R. Caplice, Background of Old Testament History: Mesopotamian Texts, Roma 1982; M. Liverani, Antico Oriente. Storia, società, economia (Manuali Laterza 17), Roma - Bari 19952; Scritti dell’Antico Vicino Oriente e fonti bibliche; A. Barucq - A. Caquot - J. M. Durand - A. Lemaire - E. Masson, (Piccola Enciclopedia Biblica 2), Roma 1988 [= Écrits de l’Orient ancien et sources bibliques. Par A. Barucq - A. Caquot - J. M. Durand - A. Lemaire - E. Masson. Index et tables par J. Auneau, (Petite bibliothèque des sciences bibliques. Ancien Testament 2), Paris 1986]; L’Antico Testamento e le culture del tempo. Testi scelti. Presentazione di G. Ravasi (Studi e ricerche bibliche), Roma 1990; La bibliografia più specifica sarà indicata secondo le lingue dei partecipanti.

      T. Vuk


  • **Introduzione alla critica testuale e metodologia esegetica del NT.
    Critica testuale, metodo storico-critico, struttura del testo, esercitazione pratica scritta.

      Bibl.: H. Zimmermann, Metodologia del Nuovo Testamento, Torino 1971, I; Howard Marshall, New Testament Interpretation, Exeter 1977; M. Brisebois - P. Guillemette, Introduction aux méthodes historico-critiques, Montréal 1987; W. Egger, Metodologia del Nuovo Testamento, Bologna 1989; A. M. Buscemi, Metodologia del Nuovo Testamento, Jerusalem 1998.

      A.M. Buscemi

Vedi anche:

    *Archeologia. Periodo crociato: Loche (A = I AT/NT)
    **Archeologia paleocristiana. Gerusalemme nella carta di Madaba: Alliata (A = I AT/NT)

ERMENEUTICA E STORIA DELL'ESEGESI
  • **Ermeneutica e storia dell’esegesi. (I) Il corso prenderà avvio dai grandi documenti della Chiesa sull’interpretazione della Bibbia a partire da Providentissimus di Leone XIII (1903), Divino Afflante Spiritu di Pio XII (1943) e Dei Verbum del Concilio Vaticano II (1965), senza dimenticare i recenti importanti documenti della Pontificia Commissione Biblica: La verità storica dei vangeli (1964); L’interpretazione della Bibbia nella Chiesa (1993), Il popolo ebraico e le sue Sacre Scritture nella Bibbia cristiana (2001). Si cercherà di sviluppare le grandi linee ermeneutiche dei documenti. (II) In seguito il corso richiamerà i grandi principi dell’esegesi antica, patristica, a partire da alcuni testi di Origene (De Principiis) e di S. Agostino (De doctrina christiana). (III) Ritornando al periodo contemporaneo si misurerà l’evoluzione della problematica dallo storicismo, sottostante al periodo modernista, fino all’ermeneutica contemporanea. Un’ermeneutica del testo come tale, oltrepassando l’aspetto strettamente referenziale per affrontare gli effetti del testo e il gioco della lettura all’interno del Canone.

      Bibl.: Per i testi del Magistero, cf. Enchiridion biblicum, e sito web della Santa Sede. Commentari. H. De Lubac, Exégèse médiévale: les quatre sens de l’Écriture, coll. Théologie, 4 vol., Paris 1959-1964; H. De Lubac, Esegesi medievale. I quattro sensi della Scrittura (Opera omnia 17-18-19), Milano 1986-1996; Bible de tous les temps, 1. Le monde grec ancien et la Bible, (dir. de C. Mondésert); 2. Le monde latin antique et la Bible (dir. de J. Fontaine et Ch. Piétri); 3. Saint-Augustin et la Bible (dir. de A.-M. La Bonnardière), Paris 1984-1986; M. Simonetti, Lettera e/o Allegoria. Un contributo alla storia dell’esegesi patristica, Roma 1985; P.C. Bori, L’interprétation infinie. L’herméneutique chrétienne et ses transformations, Paris 1991; Id., L’interpretazione infinita. L’ermeneutica cristiana antica e le sue trasformazioni, Bologna 1987; J.-M. Poffet, Les chrétiens et la Bible (Hist. du christianisme), Paris 1998; J.-M. Auwers, La Lettre et l’Esprit. Les Pères de l’Église, lecteurs de la Bible (Connaître la Bible 28), Bruxelles 2002.

      J.-M. Poffet

AMBIENTE BIBLICO

  • *Archeologia: periodo crociato.
    Nella plurimillenaria storia della terra di Israele e Palestina si inserisce il complesso fenomeno delle Crociate. Questo termine è però un’espressione usata solo dalla metà del XIII secolo per indicare le “guerre sante” contro i nemici della Chiesa e della Cristianità (eretici, musulmani, Turchi), mentre il termine più antico indicato per questo movimento era iter Hierosolymitanum oppure via Sancti Sepulcri, ossia un “viaggio-pellegrinaggio”, fatto con le armi, a Gerusalemme alla riconquista del Santo Sepolcro. Il corso si propone in particolare di esaminare questo movimento a partire dalle evidenze archeologiche (architettura, scultura, etc.) e da alcune fonti letterarie che ci aiuteranno ad individuare quali fossero i luoghi santi (alcuni anche nuovi, come Abu Gosh, legato alle vicende evangeliche di Emmaus) maggiormente conosciuti, in sintonia con la tradizione biblica. Ci proponiamo, inoltre, di evidenziare alcune tematiche (Templum Domini, guerra santa, pellegrinaggio) che ricorrono nel mondo crociato e che costituiscono una peculiare lettura della S. Scrittura. In tale prospettiva il corso si configura anche come una introduzione allo studio della Bibbia.
    • Bibl.: Un manuale a scelta sulla Storia del Cristianesimo e/o Storia Medievale; S. De Sandoli, Itinera Hierosolymitana Crucesignatorum (saec. XII-XIII), voll. I-IV, (SBF Collectio Maior 24), Jerusalem; F. Gabrieli, Storici arabi delle Crociate (Nuova Universale Einaudi 34), Torino 1969; D. Pringle, The Churches of the Crusader Kindom of Jerusalem, Cambridge 1993; D. Pringle - J. Cartledge - J. Hanbury-Tenison - R.N.L.B. Hubbard - J. McKay - Y. Meshorer - D.S. Richards - P. Leach, The Red Tower (al-Burj al-Ahmar). Settlement in the Plain of Sharon at the Time of the Crusaders and Mamluks A.D. 1099-1516 (Monograph Series 1), Jerusalem 1986; A.J. Boas, Jerusalem in the Time of the Crusades. Society, Landscape and Art in the Holy City under Frankish Rule, London - New York 2001. Altra bibliografia verrà indicata durante il corso.

      G. Loche


  • *Storia biblica.
    Il regno davidico-salomonico come realizzazione delle promesse fatte ai Padri al termine di un processo storico di sedentarizzazione delle tribù di Giuda e di Israele. L’estensione geografica e l’organizzazione amministrativa del regno. Il contesto storico-archeologico del Vicino Oriente nell’epoca di passaggio tra il Tardo Bronzo e il Ferro I. I regni divisi di Israele e di Giuda in lotta per la sopravvivenza nel contesto dell’instabile situazione politica dei piccoli stati formatisi contemporaneamente in Siria-Palestina: le città della Pentapoli Filistea, le città della costa fenicia, Aram nel nord, Edom, Moab e Ammon ad ovest. Tra l’Egitto e l’impero assiro: la caduta di Samaria e la fine del regno di Israele.

      Bibl.: Peoples of Old Testament Times, ed. D.J. Wiseman, Oxford 1973; M. Liverani, Antico Oriente: storia, società, economia, Bari 1988; J.A. Soggin, Storia d’Israele, Brescia 1984; I. Finkelstein, The Archaeology of the Israelite Settlement, Jerusalem 1988; The Archaeology of Society in the Holy Land, ed. by T.E. Levy, London 1995; N.K. Sandars, The Sea Peoples. Warriors of the ancient Mediterranean, London 1985 (reprinted); T. and M. Dothan, People of the Sea. The Search for the Philistines, New York 1992; Early Edom and Moab. The Beginning of the Iron Age in Southern Jordan, ed. P. Bienkowski, Sheffield 1992.

      M. Piccirillo


  • *Geografia biblica.
    Lezioni introduttive di Geografia Biblica. Principi di toponomastica per una Carta storico-geografica delle terre bibliche. La formazione di un metodo di ricerca: dall’Onomasticon di Eusebio di Cesarea, attraverso le testimonianze dei pellegrini, viaggiatori e geografi cristiani, ebrei e musulmani, alla palestinologia francescana del XVI-XVII secolo (Quaresmi), fino all’esplorazione storico-archeologica moderna dalla spedizione in Egitto di Napoleone a E. Robinson e ai geografi e archeologi moderni. Rudimenti di geografia fisica della Siria-Palestina. La Siria-Palestina nei documenti extra biblici del II e I millennio a.C. I nomi delle terre bibliche: terra dei Filistei, terra degli Amorrei e la terra di Canaan. Il Canaan biblico in Nm 34 e Ez 47; il territorio diviso tra le tribù (Gs 14-17); il paese conquistato e quello non conquistato (Gs 13,1-6; Gd 1,27-34); il regno di Davide e Salomone come realizzazione della Promessa.

      Bibl. F.M. Abel, Géographie de la Palestine, I-II, Paris 1936; E. Orni - E. Efrat, Geography of Israel, Jerusalem 1966; Y. Aharoni, The Land of the Bible, A Historical Geography, London 1967; M. Avi-Yonah, The Holy Land from the Persian to the Arab Conquests (536 B.C. to A.D. 640). A Historical Geography, Grand Rapids 1966; D. Baly, The Geography of the Bible. A Study in Historical Geography, New York 1957; N.P. Lemche, The Canaanites and their Land. The Tradition of the Canaanites, Sheffield 1991.

      M. Piccirillo


  • **Archeologia Paleocristiana. Gerusalemme nella Carta di Madaba. Il corso avrà una impostazione pratica (tipo seminario) e, tra le altre finalità, ha lo scopo di completare il sito web “The Madaba Mosaic Map” (www.christusrex.org/www1/ofm/mad).

      Bibl.: The Madaba Map Centenary 1897-1997. Travelling through the Byzantine Umayyad period. Proceedings of the International Conference Held in Amman, 7-9 April 1997, a cura di M. Piccirillo - E. Alliata (SBF Collectio Maior 40), Jerusalem 1999; H. Donner, The Mosaic Map of Madaba. An Introductory Guide (Palaestina Antiqua 7), Kampen 1992; J. T. Milik, “La topographie de Jérusalem vers la fin de l’époque byzantine”, Mélanges de l’Université Saint-Joseph 37 (1961) 125-189.

      E. Alliata

SEMINARI

  • **Lucerne bizantine in Terra Santa con iscrizioni greche.
    1) Tipologie fondamentali di lucerne palestinesi; 2) schemi direzionali di scrittura; 3) trascrizione delle scritte; 4) esercizi di lettura; 5) contenuto, diffusione e destinazione.
    La frequenza del seminario presuppone una conoscenza almeno elementare della lingua greca.

      Bibl.: S. Loffreda, Lucerne Bizantine in Terra Santa con iscrizioni in Greco (SBF Collectio Maior 35), Gerusalemme 1989; Id., “The Greek Inscriptions on the Byzantine Lamps from the Holy Land”, in G.C. Bottini - E. Alliata - L. Di Segni (eds.), Christian Archaeology in the Holy Land. New Discoveries. Archaeological Essays in Honour of Virgilio C. Corbo (SBF Collectio Maior 36), 475-500, Jerusalem 1990; S. Loffreda, “Nuovi tipi di iscrizioni su lucerne bizantine”, LA 40 (1990) 357-363; Id., “Ancora sulle lucerne bizantine con iscrizioni”, LA 42 (1992) 313-329; Id., “Les lampes byzantines, expression de la foi chrétienne” in Le Monde de la Bible 81 (1993) 50-51; Id., “Dieci lucerne con iscrizioni”, LA 44 (1994) 595-607; Id., Luce e vita nelle antiche lucerne cristiane della Terra Santa (SBF Museum 13), Jerusalem 1995; Id., “Lucerna bizantina con iscrizione bidirezionale” LA 48 (1998) 489-494; Id., Light and Life. Ancient Christian Oil Lamps of the Holy Land (SBF Museum 13), Jerusalem 2001.

      S. Loffreda


  • *Nozioni di Epigrafia Cristiana.
    Definizione del seminario; bibliografia e repertori epigrafici; esempi di epigrafi cristiane; linguaggio, espressioni e formule; citazioni bibliche; esercizi di lettura. Il seminario vuole essere un’introduzione all’epigrafia cristiana con particolare riguardo a quella in lingua greca della regione siro-palestinese. Verrà dato particolare rilievo alle iscrizioni rinvenute in edifici sacri e a quelle funerarie, analizzandone linguaggio, espressioni e formule caratteristiche.
    La frequenza del seminario presuppone una conoscenza almeno elementare della lingua greca.

      Bibl.: Indicazioni bibliografiche e appunti verranno forniti dal docente durante il corso.

      C. Pappalardo


  • **La grammatica siriaca di Theodor Nöldeke.
    Il seminario consiste nella preparazione di un indice di termini grammaticali e di parole trattate nelle prime due parti dell’opera (ortografia e fonologia; morfologia: §§ 1-199). La partecipazione è riservata agli studenti che hanno già frequentato almeno un semestre di siriaco.
      Bibl.: Th. Nöldeke, Kurzgefaßte Syrische Grammatik, Leipzig 18982 (= Nöldeke Th., Compendious Syriac Grammar (trad. J.A. Crichton), London 1904). Ristampa in tedesco con appendice (ed. A. Schall, Darmstadt 1966; traduzione inglese di P.T. Daniels, Winona Lake 2001).

      M. Pazzini


  • **Turchia.
    La Turchia del periodo ellenistico, romano e cristiano. Il seminario è obbligatorio per coloro che intendono partecipare all’escursione organizzata dallo SBF.

      Bibl.: M. Adinolfi, La Turchia greco-islamica di Paolo e Giovanni (Studi biblici 13), Brescia 1971; E.C. Blake - A.G. Edmonds, Sites bibliques de Turquie, Istanbul 1978; L. Padovese, Turchia i luoghi delle origini cristiane, Casale Monferrato 1987; Id., Turchia, crocevia di culture e religioni (Turchia: la Chiesa e la sua storia 1), Roma 1990.

      F. Manns

ESCURSIONI

  • */**Escursioni settimanali in Gerusalemme e dintorni.
    Giro panoramico sopra le mura della città vecchia. La città di Davide. Siloe. Aceldama. Il monte del tempio. Scavi a sud dell’Aqsa. Il quartiere giudaico. Scavi di Avigad. L’area della Flagellazione e la fortezza Antonia. La Via Crucis e il S. Sepolcro. S. Anna e la probatica. Tombe reali, S. Stefano, Garden Tomb. Getsemani: Tomba della Vergine, Grotta e Basilica dell’Agonia. Dominus Flevit, Pater, Ascensione. Betania, Betfage. Mamilla, Monastero della S. Croce. Ain Karem. Betlemme.

      Bibl.: S. Loffreda, Topografia di Gerusalemme (fino al 70 d.C.) (Dispensa SBF); E. Alliata, Topografia cristiana della Palestina. I; Gerusalemme e dintorni (Dispensa SBF); Id., Gerusalemme. Escursioni in Gerusalemme e dintorni (Dispensa SBF - trascrizione di M. Crimella).

      E. Alliata - C. Pappalardo


  • */**Escursioni bibliche quindicinali. Samaria, Giudea, Shefelah, Filistea, Neghev, Valle del Giordano, Mar Morto.
    1. Latrun, Gezer, Eqron, Ascalon. 2. Bet Shemesh, Beit Gibrin, Maresha, Lachish. 3. Lod, Ramleh, Giaffa. 4. Qumran, Eyn Gedi, Masada. 5. Gerico e dintorni. 6. Bet Shean, Belvoir. 7. Nabi Samuwil, Antipatris, Cesarea Marittima. 8. Nizzana, Shivta, Avdat.9. Tel Arad, Beer Sheva, Mampsis. 10. Tell en-Nasbeh, Shiloh, Betel. 11. Pozzo di Giacobbe, Sichem, Monte Garizim, Sebaste. 12. Gabaon, Emmaus (Qubeibeh). 13. Herodion, Hebron.

      Bibl.: P. Kaswalder - E. Bosetti, Sulle orme di Mosè. Egitto, Sinai, Giordania. Nuova Guida biblica e archeologica, Bologna 2000; P.A. Kaswalder, Onomastica Biblica. Fonti scritte e ricerca archeologica (SBF Collectio Minor 40), Jerusalem 2002. Dispense del Professore.

      P. Kaswalder


  • *Escursione in Galilea e Golan.
    1. Nella Valle di Esdrelon: visite di Bet Alfa, Tel Jizreel e al-Muhraqa sul Monte Carmelo. 2. Nella Galilea centrale: visite di Nazaret, Cana di Galilea, Monte Tabor e Naim. 3. Nel territorio di Asher: visite di Sefforis, Bet Shearim, Acco, Nahariya, Rosh ha-Niqra. 4. Sul lago di Galilea: visite di Hamat-Tiberias, S. Pietro in Tiberiade, Ginnosar, et-Tabgha, Monte delle Beatitudini, Corazin, Cafarnao. 5. Sulle Alture del Golan: visite di Hammat-Gader, Hippos, Kursi, Betsaida Julia, Kazrin, Monte Hermon. Passaggio nella Valle di Hule con visite a Tel Dan e Banias. 6. Nell’Alta Galilea: visite di Hazor, Safed, Meiron, Kfar Baram, el-Jish (Giscala), Kadesh di Galilea.

      Bibl.: P. Kaswalder - E. Bosetti, Sulle orme di Mosè. Egitto, Sinai, Giordania. Nuova Guida biblica e archeologica, Bologna 2000; P.A. Kaswalder, Onomastica Biblica. Fonti scritte e ricerca archeologica (SBF Collectio Minor 40), Jerusalem 2002. Dispense del Professore.

      P. Kaswalder


  • *Escursione al Sinai. Visita di Timna, Eilat, Taba, S. Caterina, Jebel Musa, Feiran.

      Bibl.: P. Kaswalder - E. Bosetti, Sulle orme di Mosè. Egitto, Sinai, Giordania. Nuova Guida biblica e archeologica, Bologna 2000; P.A. Kaswalder, Onomastica Biblica. Fonti scritte e ricerca archeologica (SBF Collectio Minor 40), Jerusalem 2002. Dispense del Professore.

      P. Kaswalder

NB: Iscrizioni all’anno accademico: 1-20 ottobre

You need more information? EMail us... - we will be glad to help


 SBF main

cyber logo footer
Please fill in our Guest book form - Thank you for supporting us!
Created/updated: Saturday, December 8, 2001 by J. Abela ofm / E. Alliata ofm
This page makes use of Javascript and Cascading Style Sheets - Space by courtesy of Christus Rex
logo