Via Dolorosa - POB 19424, 91193 - JERUSALEM Tel. +972 2-6282936, +972-2-6280271;
Fax: +972-2-6264519


SBF


Info

Professors

Programmes

Archaeology

Museum

Publications

Dialogue

Excursions

Pilgrims

Essays

Students

News

Memos

Latest

Escursione in Giordania: settimo giorno (15 maggio 2004)

Oggi lasciamo Petra e ci incamminiamo verso Amman, senza sapere che lungo il percorso incontreremo una tempesta di sabbia molto pericolosa. A metà strada ci fermiamo a visitare il castello di al-Kerak, possente maniero dei crociati. Kerak è identificata con la capitale di Moab (2 Re 3,25; Is 16,7.11; Ger 48,31), città menzionata da tutte le fonti antiche, cf. Charachmoba dei mosaici di Madaba e Umm ar-Rasas.




Kerak

Esterno del castello di al-Kerak, con il vallo di protezione sul fianco nord-est. Il castello, detto Le Crac de Moab, fu costruito tra il 1142 e il 1161 da Pagano il Maggiordomo e dalla famiglia nobile dei De Milly. Fu rifatto dagli ayyubidi e dai mamelucchi, ma conserva ancora alcuni settori originali.

Pianta del castello
1: Ingresso attuale
2: Ingresso originale
3: Fossati nord e sud
4: Cisterna
5: Glacis
6: Cappella
7: Palazzo mamelucco
8: Museo

Il più famoso principe di Kerak fu Renè di Chatillon che aveva sposato Etiennette de Milly nel 1177. Da qui comandava la Transgiordania crociata e il Golfo di Aqaba. Nel 1188 Saladino conquistò al-Kerak dopo otto mesi di assedio, e consegnò il castello a suo fratello al-Adil. Due torri e il glacis verso est sono opera di Bibars, mentre il palazzo (Dar al-Sultana) costruito all’interno del castello è stato fatto da al-Nasir Muhammad. Al tempo di Ahmad, figlio di al-Nasir-Muhammad, nel 1342 Kerak fu per breve tempo la capitale del sultanato mamelucco.

Sosta nello spazio dove stava la chiesa del castello. Non si è salvato altro che l’arco della navata. Sulla sinistra il settore ricostruito da al-Nasir-Muhammad e sede del governatore mamelucco.

Dal piano superiore vista verso occidente.

Veduta panoramica sulla discesa verso il Mar Morto nei pressi del Ghor es-Safi. Nell’AT questa valle è chiamata la Salita di Luchit, cf. Is 15,5.

Interno del castello rinnovato e trasformato in Museo archeologico.

Salone crociato nel piano inferiore.

Veduta sul castello da nord.

Sulla Desert Highway prima di Amman abbiamo incontrato una violenta tempesta di sabbia. Alcuni incidenti occorsi a vetture e a camion hanno richiesto l’intervento della polizia stradale e delle ambulanze.

Amman

Sulla Cittadella di Amman, al-Qalaa. In primo piano le rovine di una chiesa bizantina del 6º secolo.

Pianta dell’acropoli di Rabbat Ammon
1: Acropoli inferiore
2: Ingresso dalla città bassa
3: Torre abbaside
4: Tempio di Ercole
5: Museo
6: Chiesa bizantina
7: Case bizantine
8: Cisterna
9: Moschea omayyade
10: Palazzo omayyade
11: Acropoli superiore

Sulla rocca degli ammoniti hanno costruito i tolomei (cf. Filadelfia), i romani, i bizantini e gli omayyadi. In 2 Sam 12,26-28 leggiamo: Ioab inviò messaggeri a Davide per dirgli: Ho assalito Rabba e mi sono già impadronito della città delle acque. Ora raduna il resto del popolo, accàmpati contro la città e prendila, altrimenti se la prendo io, porterà il mio nome.

La facciata del tempio di Ercole, costruito nel 2º secolo d.C. in base ad una iscrizione che menziona Marco Aurelio e il governatore di Arabia Geminio Marciano. Il restauro fu iniziato da R. Bartoccini, G. Guidi e C. Ceschi negli anni 1927-1937.

Il gruppo degli studenti escursionisti dello SBF posa per la foto-ricordo al riparo del tempio di Ercole. Il tempio ha un temenos che misura m 122x72, mentre il santuario è m 31x26.

In primo piano la moschea omayyade scoperta da poco, e sullo sfondo la cupola del vestibolo del Dar al-Imara, la residenza del califfo.

Interno del vestibolo del Dar al-Imara ricostruito dalla spedizione spagnola di A.G. Almagro. L’intero complesso comprende a partire da sud, il vestibolo, le sale amministrative, le terme, i cortili e la residenza privata.

La grande cisterna circolare.

Veduta sul teatro di Amman, dalla rocca della cittadella. Nel fondovalle si trovano anche il ninfeo, i resti del foro e del cardo antico di Filadelfia, il nome ellenistico di Amman.

Cliccare sulle foto per ingrandirle.


External Links

Kerak - Jordan (AtlasTour)

Charach-Moba - Karak (the Madaba Map website)

Virtual Karak Resources Project

Amman (A Touristic site)

Amman (Ancient Texts Related to the Bible)

Amman (BiblePlaces)


 SBF main, Indice

Escursioni bibliche

Mondo biblico


Pella

Gerasa

Umm el-Jimal

Abila

Gadara

W. Kharrar

Castelli
del Deserto

Heshbon

Madaba

M. Nebo

Mukhayyat

Macheronte

Aroer

Umm er-Rasas

Shobak

Petra

Kerak

Amman

Museo Archeologico

Iraq el-Amir

cyber logo footer
Please fill in our Guest book form - Thank you for supporting us!
Created/updated: Sunday, December 16, 2001 by J. Abela / E. Alliata
This page makes use of Javascript and Cascading Style Sheets - Space by courtesy of Christus Rex
logo