Via Dolorosa - POB 19424, 91193 - JERUSALEM (Israel)
Tel. +972 2-6270444 (Monastery) - +972 2-6270485 (Faculty) - Fax: +972-2-6264519
E-mail: edit@studiumbiblicum.org

New Publications 2002

Collectio maior
17. B. Bagatti, Excavations in Nazareth. Vol II: From the 12th Century until Today

Collectio Minor
39. B. Bagatti, Ancient Christian Villages of Samaria
40. P.A. Kaswalder, Onomastica Biblica. Fonti scritte e ricerca archeologica
41. P. Laurence (ed.),
Gerontius. “La Vie latine de Sainte Mélanie. Édition critique, traduction et commentaire”
42. B. Bagatti, Ancient Christian Villages of Judaea and the Negev

Analecta
57. N. Casalini, Teologia dei Vangeli
58. N. Casalini, Le Lettere Cattoliche e Apocalisse di Giovanni. Introduzione storica, letteraria e teologica
59. R. Pierri, Parole del Profeta Amos.
Il libro di Amos secondo i LXX
60. M. Pazzini, Il rotolo di Rut. Analisi del testo siriaco

Others
F. Manns, Les enfants de Rébecca
A Niccacci, Sintaxis del Hebreo Bíblico
M. Piccirillo (Ed.), Un uomo di pace. Padre Bellarmino Bagatti (1905-1990)
M. Piccirillo, L’Arabia cristiana


In the Press: Come and see what is being produced


The SBF series are published by the
Custody of the Holy Land

Till 2007: Franciscan Printing Press - Jerusalem
Get the latest FPP Catalogue (pdf file - 1.7 MB)

From 2008: Edizioni Terra Santa - Milano (Italy)



B. Bagatti (with the collaboration of E. Alliata)
Excavations in Nazareth. Vol II: From the 12th Century until Today

"My main purpose has been to publish the archaeological material that came to light in the excavations. But in order to set these finds in their proper environment it has been necessary to refer also to the witnesses who saw this material in better conditions than we do today. The significance of this material for the history of the site is not small. First of all, the hypothesis has been confirmed that the church of Nazareth has been re-built. So too the suggestion that the building has been decorated with statues has been fully proven today, even though the remains of the statues have been destroyed in great part. The material that we found surprised us, when we saw a St. Peter who held in his hands not only the keys but also a little model of a church. This model can only reveal to us the thought of the crusaders to form only one church under one head St. Peter. The gathering of all the material which I have attempted in this book, seems to me to satisfy the expressed desire of many scholars."
(B. Bagatti)

An English translation of Bagatti's, Gli Scavi di Nazaret. Volume II: Dal secolo XII ad oggi, Jerusalem 1984 (translation by Fr. R. Bonanno ).

Volume I, Excavations in Nazareth. I: From the Beginning till the XII Century (SBF Collectio Maior 17), had been already published in English in 1969, with translation by E. Hoade.

21.5x27.5 cm; 206 pgs.; 70 figs.; 84 pls.; US $ 30


B. Bagatti
Ancient Christian Villages of Samaria

The presentation of the Christian villages of Samaria is intended as a sequel to the volume on the villages of Galilee, published as No. 13 of our series. As the first volume, which included a number of villages not strictly pertaining to Galilee, so this volume deals also with some villages that are not strictly part of Samaria. Thus the book can be said to cover in general the region located between Jerusalem and Jenin.
The order of description begins with the south, that is, from Jerusalem, listing first the villages east of the Jerusalem-Jenin road, then those west of the same route. Since some villages are located in the mountains and others on the plain, those located in the hill-country will be described first, then those on the plain, so as to keep a kind of single line of vision.
Many places which will be illustrated have interesting biblical associations; for example, Bethel, Shiloh, Sebaste, and others. These associations are omitted on principle because they are generally well known and because we intend to restrict ourselves to things which are totally Christian, as the title indicates. The present work mostly collates materials seen by previous explorers, especially since many items have disappeared; but a personal inspection was conducted whenever possible. Thus new materials or museum items have come to light which serve to enrich the list of Christian places.
The assembling of these items allows for a general knowledge of the region and an understanding of how Christianity spread and then disappeared.
For the illustrative section we have selected also old photographs and drawings because they provide evidence of how things were in the past.
This English translation of the 1979 Italian text is the work of Fr. Paul Rotondi, O.F.M. Further exploration has been done in some of the places mentioned in this book and a few sites new have been discovered. The information in the book has been systematically updated by L. Di Segni of the Hebrew University of Jerusalem.

English translation by P. Rotondi
17x24 cm; 244 pgs.; 64 pls; US $ 30


P.A. Kaswalder
Onomastica Biblica.Fonti scritte e ricerca archeologica

Il volume è nato nell’ambito dell’insegnamento presso lo SBF e presenta le caratteristiche di una intro-duzione alla Geografia e alle Escursioni Bibliche. Queste discipline richiedono lo studio di alcuni elementi geografici di base e una traccia della storia che ha segnato le regioni bibliche, comprese Israele, il Sinai, la Transgiordania e la Fenicia. L’esame delle fonti di onomastica segue la cronologia delle principali epoche storiche: antico-testamentaria, ellenistica, romana, bizantina, omayyade, crociata, mamelucca, ottomana, per sottolineare i cambiamenti registrati dalla geografia politica, dalla geografia storica, dalla topografia e dall’onomastica.
Il volume è articolato in due parti distinte. Nella prima (pp. 9-299) sono raccolte le fonti dell’onomastica biblica. Inizia con un saggio introduttivo di Geografia Biblica dedicato all’Antico Testamento. In questa sezione sono segnalati i nomi e una breve storia delle regioni bibliche (Galilea, Bashan, Giudea, Shefelah, Galaad, Mishor ecc.). Fa seguito un saggio di Geografia del Nuovo Testamento con particolare attenzione a Mt 2,1 e Lc 3,1. Segue un esame dell’opera di Eusebio di Cesarea, l’Onomastico dei siti biblici, che ne mette in risalto le caratteristiche particolari. A questo fanno seguito uno studio particolareggiato dei toponimi dell’iscrizione di Mesha (9º secolo a.C.) e la pre-sentazione critica di tutte le fonti classiche dal 5º secolo a.C. al 7º secolo d.C. (Erodoto, Pseudo-Scylax, Zenone Alessandrino, Diodoro Siculo, Strabone, Plinio il Vecchio, Giuseppe Flavio, Claudio Tolomeo, Dione Cassio, Ammiano Marcellino, Teofane di Hermopoli, Itinerarium Antonini Augusti, Tabula Peutingeriana, Notitia Dignitatum, Editto di Beer Sheva, Stefano di Bisanzio, Hierocles, Giorgio di Cipro). Dopo la presentazione delle fonti letterarie, sono studiati i toponimi dei mosaici di Madaba (6º secolo), Umm er-Rasas, Ma'in e Rehov (8º secolo).
Nella seconda parte della ricerca (pp. 301-479) sono proposti alcuni argomenti appa-rentemente slegati tra di loro. Dapprima viene operata una scelta dei diari di alcuni celebri pellegrini cristiani della Terra Santa, dall’Anonimo di Bordeaux del 4º secolo, fino ad Arculfo del 7º secolo. Segue una breve presentazione delle epoche storiche che hanno segnato le terre bibliche in maniera profonda. Vale a dire, si offre un passaggio storico-geografico sui periodi islamici, a partire dal periodo omayyade (7º secolo) fino al periodo ottomano (16º secolo). L’islam si è imposto sull’ambiente delle terre bibliche a livello religioso, sociale e linguistico, fino ad oggi. La presenza dell’islam in Terra Santa ha provocato il fenomeno delle crociate (11º - 13º secolo) alle quali è dedicata un’ampia introduzione storica; l’esame di alcuni testimoni (Sewulfo e Teodorico); la lista dei siti di epoca crociata. L’ultima sezione della ricerca contiene una serie di strumenti bibliografici per accostarsi alle scienze ausiliarie della geografia storica (archeologia, numismatica, epigrafia, cartografia ecc.). E infine una lista dei siti dove si trovano le prime testimo-nianze di edifici cristiani (chiese, monasteri) e di sinagoghe giudaiche e samaritane.
La ricerca risulta essere una raccolta completa delle fonti classiche di topografia e di onomastica provenienti dai testi letterari e dalle iscrizioni musive. La ricerca inoltre si propone come edizione critica per la lingua italiana di alcuni testi classici e una raccolta completa dei testi di topografia che riguardano le regioni bibliche.

L'AUTORE
Pietro A. Kaswalder è docente presso lo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme. Insegna Esegesi dell’Antico Testamento e guida le Escursioni Bibliche. Ha pubblicato studi a carattere esegetico, storico, geografico e archeologico. Tra i principali segnaliamo: M. Adinolfi - P. Kaswalder (edd.), Entrarono a Cafarnao. Lettura interdisciplinare di Mc 1. Studi in onore di P. Virginio Ravanelli, (FPP) Jerusalem 1997. P. Kaswalder - E. Bosetti, Sulle orme di Mosè. Egitto, Sinai, Giordania. Nuova guida biblica e archeologica, (EDB) Bologna 2000.

17x24 cm; 544 pp.; 24 mappe; US $ 25


B. Bagatti
Ancient Christian Villages of Judaea and the Negev

The Studium Biblicum Franciscanum is pleased to be able to offer to scholars the English translation of the three volumes written by the late Fr. Bellarmino Bagatti (1905-1990) about the ancient Christian villages in the Holy Land.

See also:
Ancient Christian Villages of Galilee
Ancient Christian Villages of Samaria


The three books are the fruit of his love for the Christian history and memories of this land, in which he lived uninterruptedly over a period of more than 50 years, starting in 1935 when the young doctor in Christian archaeology came to Jerusalem, and ending in 1990, when, full of days and labors, he fell asleep in the Lord.
Speaking of his trilogy about the Christian villages, he himself said that he wrote them during long years spent examining the ancient writings, reading the itineraries of pilgrims and explorers, and visiting the sites. The method is simple and straightforward: to carefully examine and compare the monuments and the literary sources. The volumes were received with favor by archaeologists and historians, who judged them positively for the richness and the value of the archaeological and literary material they collect and present. Scholars have appreciated them as a significant contribution to the Christian historiography of the Holy Land.
The initial thoughts were by the late Most Reverend Fr. Matthew De Benedictis (1914-1992), Commissary of the Holy Land in Washington, DC, to whose intelligent help and encouragement we owe the realization of the English translation of this trilogy of studies on the ancient Christian villages of the Holy Land. Thanks to him we were able to receive the collaboration of Fr. Paul Rotondi (USA), who undertook the translation at the beginning of the 1990s. The revisions and bibliographic additions were done with the valued aid of Dr. Leah Di Segni, of the Institute of Archaeology of the Hebrew University in Jerusalem and for some years the esteemed collaborator in our publications. Many of her comments have been incorporated without indication into the text, while others are collected in the footnotes with the indication (LDS).

English translation by P. Rotondi
17x24 cm. 232 pp.; ills.; 32 pls. U.S. $ 30.00


Gérontius
La Vie latine de Sainte Mélanie

éd. P. Laurence

Le présent ouvrage représente la dernière étape d’un long voyage, commencé il y a plus d’un siècle. Une édition critique moderne de la Vie latine de sainte Mélanie. À une nouvelle collation des
manuscrits déjà étudiés elle ajoute celle d’un manuscrit non encore recensé, dont les variantes offrent des leçons toutes nouvelles. Elle s’appuie sur une étude de la langue, et elle est également accompagnée d’une traduction, ainsi que de notes de commentaire. Parmi ces dernières, à côté de celles qui traitent de sujets tels que religion, culture, histoire ou civilisation, un nombre important est consacré à la comparaison entre le texte latin et le texte grec.”
Editeur du texte: Patrick Laurence, Université François Rabelais de Tours (France)

Gerontius. La Vie latine de Sainte Mélanie. Édition critique, traduction et commentaire par P. Laurence.

17x24 cm. 352 pp.; 4 pls. U.S. $ 30.00


N. Casalini
Teologia dei Vangeli

Il testo del presente saggio è stato concepito per dare soddisfazione a coloro che, studiando i Vangeli, desiderano avere una visione più ampia e approfondita della loro teologia, ritenendo insuffficiente alle loro esigenze di conoscenza e formazione i sommari cifrati che si leggono in tutte le introduzioni. Questa raccolta di ricerche e studi, di stile monografico, vuole offrire loro la possibilità di percorrere più volte il racconto di ogni Vangelo, seguendo piste diverse, secondo i differenti problemi teologici più dibattuti tra gli studiosi e che io ho riproposto in modo sistematico, indicando le possibili soluzioni elaborate con il metodo storico-critico. Ma spesso ho usato senza esitazione il metodo narrativo, che permette al lettore di percepire il punto di vista e il pensiero teologico di ogni autore evangelico, esaminando con cura il suo stesso modo di narrare e il ritratto che propone di Gesù, che è il personaggio principale di ogni narrazione.

NELLO CASALINI, professore di esegesi e teologia biblica allo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme, ha già pubblicato nella serie di Analecta le seguenti opere: Dal simbolo alla realtà. L’espiazione dall’Antica alla Nuova Alleanza secondo Ebr 9,1-14 (Analecta 26), Jerusalem 1990; Libro delle origini di Gesù Cristo. Analisi letteraria e teologica di Matt 1-2 (Analecta 28), Jerusalem 1990; Il Vangelo di Matteo come racconto teologico. Analisi delle sequenze narrative (Analecta 30), Jerusalem 1990; I Misteri della fede. Teologia del Nuovo Testamento (Analecta 32), Jerusalem 1991; Agli Ebrei. Discorso di esortazione. Commento esegetico (Analecta 34), Jerusalem 1992; Le Lettere di Paolo. Teologia (Analecta 54), Jerusalem 2001; Le Lettere Cattoliche – Apocalisse di Giovanni. Introduzione storica, letteraria, teologica (Analecta 58), Jerusalem 2002.

17x24 cm; 402 pgs.; US $ 30


N. Casalini
Lettere Cattoliche e Apocalisse di Giovanni. Introduzione storica, letteraria e teologica

I saggi riuniti in questo volume sono stati scritti per rendere giustizia a quel gruppo di libri della rivelazione che, in genere, sono ingiustamente emarginati nel grande dibattito teologico sulla teologia del Nuovo Testamento, dominato per lo più dalla discussione sulla tradizione evangelica, su quella paolina e, in tempi più recenti, su quella della cosiddetta scuola giovannea. Qui il lettore trova gli scritti che costituiscono le ‘Lettere Cattoliche’ e ‘Apocalisse’, esaminati sotto diversi aspetti (storico, letterario, teologico), come è consuetudine in una normale ‘Introduzione al Nuovo Testamento’. Ma in questo caso l’aspetto teologico ha assunto una parte preponderante, data la varietà e la ricchezza dottrinale che i singoli testi, anche i più brevi (per es. 2 e 3 Gv e Giuda) racchiudono. Per questo non ho esitato ad usare il metodo dell’analisi del discorso e lo stesso metodo retorico, quando mi parve utile alla comprensione del testo, ma per l’Apocalisse ho unito il metodo strutturale, narrativo e simbolico per dare al lettore una idea dell’ardua profondità del suo messaggio teologico.

NELLO CASALINI, professore di esegesi e teologia biblica allo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme, ha già pubblicato nella serie di Analecta le seguenti opere: Dal simbolo alla realtà. L’espiazione dall’Antica alla Nuova Alleanza secondo Ebr 9,1-14 (Analecta 26), Jerusalem 1990; Libro delle origini di Gesù Cristo. Analisi letteraria e teologica di Matt 1-2 (Analecta 28), Jerusalem 1990; Il Vangelo di Matteo come racconto teologico. Analisi delle sequenze narrative (Analecta 30), Jerusalem 1990; I Misteri della fede. Teologia del Nuovo Testamento (Analecta 32), Jerusalem 1991; Agli Ebrei. Discorso di esortazione. Commento esegetico (Analecta 34), Jerusalem 1992; Iniziazione al Nuovo Testamento (Analecta 53), Jerusalem 2001; Teologia dei Vangeli. Lezioni e ricerche (Analecta 57) Jerusalem 2002.

17x24 cm; 368 pgs.; US $ 30


R. Pierri
Parole del profeta Amos. Il libro di Amos secondo i LXX

La ricerca è condotta con attenzione e competenza: il confronto è stato operato sul Testo Masoretico, che rimane comunque l’unico Testo Ebraico di riferimento reale e convenzionale se mancano testimonianze di Qumran, e sulla versione siriaca Peshittâ. Ma l’attenzione non è rivolta solo alla Vorlage, bensì anche e soprattutto alla versione greca come opera di risultato in quanto tale, destinata ad una propria vita indipendente come nuovo testo e all’interno del corpus dei LXX. Per questo tanta cura è stata prestata anche all’analisi dello stile, della fraseologia, del lessico, delle scelte e della tecnica di traduzione della versione greca (dalla prefazione di A. Passoni Dell’Acqua).

ROSARIO PIERRI ofm è licenziato in teologia biblica (SBF di Gerusalemme 1995). Ha conseguito la Laurea in Lettere classiche all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (2001). È docente di greco biblico presso la Facoltà di Scienze Bibliche e Archeologia (SBF) e segretario della medesima facoltà.

17x24 cm; 161 pgs. US$ 15.00


M. Pazzini
Il rotolo di Rut. Analisi del testo siriaco

Questo volumetto, contenente il testo pienamente vocalizzato e l’analisi morfologica del Libro di Rut nella versione siriaca, ha lo scopo di introdurre ad una lettura del testo biblico con una mente grammaticale. Si configura come un’esercitazione biblico-grammaticale, basata sul manuale della lingua siriaca edito dallo stesso autore nel 1999, e invita a carpire il senso del racconto lasciandosi guidare dalla grammatica, in particolare dalla morfologia. Particolare attenzio- ne viene riservata alle forme verbali. Il sussidio è destinato sia agli studenti di siriaco, sia alla schiera di volenterosi che si accostano alle Scritture nelle lingue antiche.


L’Autore ha già pubblicato precedentemente nella stessa collana (n. 51), con A. Niccacci: Il Rotolo di Rut. Analisi del testo ebraico. Jerusalem 2001

17x24 cm; 107 pgs. US$ 10.00


F. Manns
Les enfants de Rébecca. Judaïsme et christianisme aux premiers siècles de notre ère

Le christianisme est une religion dont tes racines sont juives et dont t'enfance fut fortement teintée de judaïsme. Il est difficile d'ignorer la part de ce dernier dans la constitution des écrits fondateurs chrétiens.

Au fil de cette étude d'une grande érudition, l'auteur nous entraîne dans une traque de cette filiation, à la fois historique, exégétique et symbolique. Les traditions juives et judéo-chrétiennes, les mouvements juifs préexistants, la première lettre de saint Pierre sont longuement analysés, de même que les thèmes et symboles pris d'emblée en compte par le christianisme balbutiant. Passés au crible, ils éclairent les premiers pas de l'Église des origines.

Cette démarche s'inscrit dans un retour aux sources qui, allié à la purification des mémoires, ne peut être que bénéfique pour ouvrir un chemin de réconciliation.

13.5x21.5 cm; 320 pgs.; Mediaspaul 2002. Euro 29.90


A. Niccacci
Sintaxis del Hebreo Bíblico

El texto que se presenta aquí en versión española es una revisión amplia del original italiano (editado por Franciscan Printing Press, Jerusalem en 1986, 127 pp.; traducido posteriormente al inglés por W.G.E. Watson y editada por Sheffield Acadernic Press, Sheffield en 1990, 218 pp.). La estructura básica permanece sin cambios. Se han incluido numerosas modificaciones al texto y a las notas, se han añadido o sustituido ejemplos y se han insertado tablas o cuadros. Los mayores cambios se deben a la necesidad de precisar mejor los tres niveles de la lingüística textual (actitud lingüística, puesta de relieve, perspectiva lingüística) en hebreo (cap. VII, transiciones temporales). La idea de fondo es la siguiente: además de los generos "puros" de la narración (cap. V) y del discurso (cap. VI), están atestiguados géneros "mixtos", con formas de la narración empleadas en el discurso y viceversa. Los casos más claros son la "narración-de-comentario" (§ 83) y el "comentario narrativo" (§ 84).
[Estracto de la nota a la edición española: p. 13]

Traducido por Guadalupe Seijas de los Ríos-Zarzosa
17x24 cm; 236 pgs.; Editorial Verbo Divino 2002. Euro 28.85.


M. Piccirillo (Ed.)
Un uomo di pace. Padre Bellarmino Bagatti (1905-1990)

"Attraverso la figura di padre Bellarmino Bagatti, tramite la divulgazione della sua opera e mediante la narrazione della sua vita, ci prefiggiamo anche perciò, senza presunzione ma con molta determinazione, di contribuire a portare una goccia di acqua che serva a spegnere quel fuoco di odi, rancori, intolleranze e guerre, con la speranza di poter alimentare una civile convivenza, e l'auspicio di favorire la comprensione fra tutti i popoli, le etnie e le religioni che insistono su quel territorio.
Padre Bagatti, insieme a tutta la scuola dello Studio Biblico Francescano di Gerusalemme, è riconosciuto come una delle fonti più importanti perché questa storia sia scritta non solo con gli occhi del cristianesimo occidentale ma anche con quell'umíle storia dei cristiani locali, dei villaggi e delle prime case-chiesa dove alcuni ebrei, divenuti discepoli di Gesù di Nazareth, ne mantennero la memoria e ne celebrarono la salvezza esprimendosi ancora nelle categorie giudaiche.
Il personaggio di padre Bagatti è ben noto per le sue pubblicazioni ed i suoi studi nel mondo accademico e scientifico, ma vorremmo colmare una lacuna nella conoscenza di lui nell'ambito locale e nel racconto della sua vita. Essa "ha il sapore" delle nostre terre con la sua dedizione intelligente, la sua gioiosa serietà ed amabilità.
L'opera nasce grazie alla penna ed al cuore di persone che lo hanno conosciuto ed amato: padre Darío Pili - O.F.M., guardiano del convento di San Salvatore in Bonorva (Sassari) -, padre Ignazio Mancini, padre Lino Randellini, padre Alberto Prodomo, padre Paolo Dozio, padre Giovanni Claudio Bottini, il Prof. Franco Cardini. Un particolare ringraziamento a padre Michele Piccirillo (O.F.M., archeologo e direttore del Museo dello Studio Biblico Francescano di Gerusalemme, nonché professore ordinario di geografia biblica) che ha curato questa pubblicazione.
Come presidente della Fondazione sono ben lieto di presentarla: mi pare quasi un doveroso ringraziamento a padre Bellarmino e alla sua opera."
(dalla Presentazione di Giacomo Conti, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di S, Miniato)

M. Piccirillo (Ed.), Un uomo di pace. Padre Bellarmino Bagatti (1905-1990), Editrice Custodia di Terra Santa, Gorle 2002

23x29.5 cm; 252 pgs.; ill.; CD-ROM incluso


M. Piccirillo
L’Arabia cristiana. Dalla Provincia Imperiale al primo Periodo Islamico

La ricerca archeologica intensificatasi negli ultimi deceni ha reso possibile la ricca documentazione pubblicata in questo ricco volume dedicato alla Provincia Arabia, una delle province storicamente abitate da popolazioni arabe perfettamente integrate nella nuova società cristiana. Ciò che sarebbe stato impossibile con le sole fonti letterarie pervenuteci dall'antichità. Nulla vieta che un giorno la ricerca possa integrare con nuovi monumenti le notizie riguardanti la presenza cristiana nella Penisola considerata dagli autori musulmani come l'origine della nazione araba di cui andavano coscienti e fieri anche i loro predecessori cristiani.

M. Piccirillo, L’Arabia cristiana. Dalla Provincia imperiale al primo Periodo Islamico, Jaca Book, Milano 2002

27x31 cm; 260 pgs.; ill.; Euro 85

Edizione francese: L'Arabie Chrétienne. Préface de M. Sartre, éd. Menges, Paris 2002


 SBF main, Publications

Publications


In the Press

2009

2008

2007

2006

2005

2004

2003

2002

2001

2000

1999

1998

1996-98

Liber Annuus

cyber logo footer
Please fill in our Guest book form - Thank you for supporting us!
Created/updated: Saturday, December 8, 2001 by J. Abela ofm / E. Alliata ofm
This page makes use of Javascript and Cascading Style Sheets - Space by courtesy of Christus Rex
logo