Via Dolorosa - POB 19424, 91193 - JERUSALEM (Israel)
Tel. +972 2-6270444 (Monastery) - +972 2-6270485 (Faculty) - Fax: +972-2-6264519
E-mail: edit@studiumbiblicum.org

New Publications 2000

Collectio minor
37. B. Bagatti, Ancient Christian Villages of Galilee
38. I. Peña - P. Castellana - R. Fernández, Lieu de pèlerinage en Syrie

Analecta
48. A. M. Buscemi, Gli inni di Paolo. Una sinfonia a Cristo Signore
49. J. C. Naluparayil, The Identity of Jesus in Mark
50.
G.C. Bottini, Giacomo e la sua lettera

Museum
14. S. Loffreda, Ceramica del tempo di Gesù


Studia Orientalia Christiana - Monographiae
10. G. Giamberardini, S. Antonio Abate, Astro del deserto

SOC Collectanea
32 (1999)


Other
M. Adinolfi (con la collaborazione di G.B. Bruzzone), Viaggio del cuore in Terra Santa
M. Piccirillo (Ed.), In Terra Santa. Dalla crociata alla custodia dei Luoghi Santi

P. Kaswalder - E. Bosetti, Sulle orme di Mosè. Egitto, Sinai, Giordania. Nuova guida biblica e archeologica
F. Manns, Le Judeo-christianisme, mémoire ou prophetie?
A. Niccacci, Siracide o Ecclesiastico. Scuola di vita per il popolo di Dio
L. Cignelli - S. M. Manelli, Conoscere la Bibbia
M. Piccirillo (ed.), Il viaggio del Giubileo. Alle radici della fede e della Chiesa


In the Press: Come and see what is being produced


The SBF series are published by the
Custody of the Holy Land

Till 2007: Franciscan Printing Press - Jerusalem
Get the latest FPP Catalogue (pdf file - 1.7 MB)

From 2008: Edizioni Terra Santa - Milano (Italy)



B. Bagatti
Ancient Christian Villages of Galilee


Over fifty towns of Christian archaeological interest are to be found in Galilee, and the author discusses each, with its significant remains, in this volume. Nazareth has pride of place but such towns as Naim, Sepphoris, Tiberias and Magdala, plus a number of less well-known places, are also treated. The figures include a map of the whole area, plans of significant sites and photographs of artifacts and terrain. Revisions and bibliographic additions were done with the valued aid of Dr. Leah Di Segni, of the Institute of Archaeology of the Hebrew University in Jerusalem.

CONTENTS
Bibliography - Introduction - The New Shrine of Nazareth and the Archaeology -The Church of the First Annunciation at Nazareth - The Fountain of the Apostles at Nazareth -The Pottery Workers of Nazareth - Reneh - Mashad and the Tomb of Jonas - Kefer Kenna, the Village of the Wedding - Turan - Sejera - Christian Tiberias - Kh. Kerak or Beth Yerak - The Baths of Gadara: el-Hammam - Hippos-Sussitha, Ancient Episcopal See - Kursi (Gergesa), Where the Pigs Fell into the Sea - Magdala, Land of Mary Magdalene - The Sanctuary of the Beatitudes, Founded at Tabga - A supposed Bath of Job at Tabga - The excavations of St. Peter on the Shores of the Lake of Tiberias - Yafia or Jaffa of Nazareth - The Mausoleum of Ma’alul - Christian Remains at Carmel: Grotto of Elias - Shiqmona; Tell Samak; Sha’ar Ha-’Aliyah -The Monaster of St. Brochard at Wadi es-Siah - Aisfiya - The Reliquary of Dora - In the Territory of Maximianopolis - Beit Lahem - Christianity at Seforis - Kaukab, where the Parents of our Lord lived - Traditions and Art at Shefa ‘Amr - A Sabbatical Inscription (?) at Kh. Ushe - Abellin, supposed Episcopal See - The Villages of Damun and Sha’ab Research of the Tomb of the Min Jacob at Sakhnin and at Arrabeh - Deir Hanna, the Village Among the Olive Groves - Ailabun and Mugair - Christian Acre - Tell Keisan - Two Sanctuaries of St. George near Acre: Al Makr and Abu Sinam - Kefer Yasif - Discoveries at Shelomi, Shavei Zion, Evron, Nahariya, Lohamei ha Geta’ot - El Bass, Destroyed Village - Excavations of the ancient Churches of Hanita and Karkara - Yarka - Baina, swallowed up Village and Kh. Amudim - Er-Rama - Pequin and Kisra - Kefer Simai, Land of the Min Jacob - The “Desolated” Village of Suhmata - The Syncretic Tomb of Tarshiha - Malia, The Castellum Regis - Hurfeis - Fassuta - Kefer Anan - Christian Safed - Christian Jish - Kefer Biran - A singular Vessel of ha-Goshrim - Caesarea Philippi and the promise of the Primacy to Peter -The Laura of Jebel-el Qafseh and the Hermitage “Mathumeh” - Iksal, Episcopal see of the 6th Century - Naim of the Gospel - Tumra - Daburieh - The Church of St. Thecla at Kefer Kama -The Sanctuary of St. Varus at Sirin? - An unpublished Church at Sulam - The Mosaic of Beth ha-Shitta - Sede Nahum - The Crusader Castle of Belovoir - Christian Scythopolis - Pella, Refuge-City of Christianity in 70 - The Memory of the Tel Lepers at Jenin and Birkin - The Village of Zababdeh - The Ancient Christian Center of Teiasir - Analytical Index - Illustrations.

B. Bagatti, Ancient Christian Villages of Galilee. English translation by P. Rotondi. Jerusalem 2000. 288 pp.; 58 pls. U.S. $ 30.00
Cover and plates layout by S. De Luca


I. Peña - P. Castellana - R. Fernández
Lieu de pèlerinage en Syrie

The authors are well known as specialists of Byzantine Syria. They present here a list of places that were attraction for pilgrims during the 4th to 6th cent. A.D. Their list appears to have grown really impressive. To prove the authenticity of those places the evidence is taken from archaeological sources, from local tradition, from graffiti traced on the walls of eighteen sanctuaries. Pilgrims customs, housing and devotions are treated at once in a vivid writing style..

INDEX
Avant-propos - I. Les intercesseurs du peuple syrien - II. L'attrait des reliques - III. Le pèlerinage liturgique. - IV. Us et coutumes des pèlerins. - V. Hôtelleries pour pèlerins. - VI. Sanctuaires internationaux. - VII. Sanctuaire nationaux. - VIII. Sanctuaire régionaux: A. Lieux de pèlerinage attestés par l'archéologie. B. Lieux de pèlerinage attestés par les graffiti. C. Lieux de pèlerinage attestés par les documents écrits. D. Lieux de pèlerinage attestés par la tradition. - Conclusion - Bibliographie - Index - Glossaire.

I. Peña - P. Castellana - R. Fernández, Lieu de pèlerinage en Syrie. Milano 2000. 283 pp.; ills. U.S. $ 30.00

SBFla96.html


G. C. Bottini
Giacomo e la sua lettera. Una introduzione

Nella monografia vengono accuratamente studiati tutti i problemi introduttivi della Lettera di Giacomo: autore, destinatari, data e luogo di composizione, struttura e genere letterario, argomento e scopo, relazioni con altri testi del Nuovo Testamento.
Ne risulta una presentazione criticamente aggiornata e approfondita di uno scritto che per la sobrietà della dottrina e la sapienza teologica dell'autore, manifestata nelle norme della condotta, ha ricevuto stima e onore nella tradizione della Chiesa, ma anche critiche e riserve nel dibattito teologico.

INDICE DEL VOLUME
Premessa. Cap. I Autore: quale profilo? Cap. II Destinatari: a chi? in quale situazione? Cap. III La lettera di Giacomo, un manifesto antipaolino? Cap. IV La lettera di Giacomo e l'epistolario paolino. Cap. V La lettera di Giacomo e la tradizione evangelica. Cap. VI La lettera di Giacomo e le altre tradizioni teologiche del Nuovo Testamento. Cap. VII Il luogo teologico e culturale della lettera di Giacomo. Cap. VIII Struttura letteraria e composizione retorica della lettera di Giacomo. Cap. IX Il genere della lettera di Giacomo: un discorso parenetico. Cap. X Tema dominante e scopo della lettera di Giacomo. Punti di arrivo. Bibliografia. Indici

L'AUTORE
Giovanni Claudio Bottini è docente di introduzione e esegesi di Nuovo Testamento nello Studium Theologicum Jerosolymitanum e nello Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme.
Oltre a diversi articoli di esegesi, ha pubblicato: La preghiera di Elia in Giacomo 5,17-18. Studio della tradizione biblica e giudaica, Jerusalem 1981; Introduzione all'opera di Luca. Aspetti teologici, Jerusalem 1992.

G. C. Bottini, Giacomo e la sua lettera. Una introduzione (SBF Analecta 50), Franciscan Printing Press, Jerusalem 2000, 311 pp. U. S. 25.00
In copertina: Inizio della Lettera di Giacomo nel Codice Vaticano; S. Giacomo in una icona di E. Kisets.
Grafica: S. De Luca


J. C. Naluparayil
The Identity of Jesus in Mark

Who is Jesus according to the Gospel of Mark? A variety of answers have been given to this question in the course of the Markan research and there appears to be no consensus on the Markan Christology, despite some prevailing trends. In this context, this book attempts to answer the question of Jesus' identity by approaching this theme in a comprehensive way. At first, the author compares the Christology of the pre-Markan tradition as it appears in its two carriers, viz., pre-Markan collections and Q, with that of the parallel Markan passages. These comparisons enable him to have some preliminary indications on the prominent Christological trends of Mark. At the second stage, the author tries to answer the question of Jesus' identity by making use of narrative criticism as tool of analysis and consequently by concentrating on three narrative elements of Mark, viz., plot, point of view, and characterisation of Jesus. In the process, he succeeds in demonstrating that the designation "the Son of Man" stands for the identity of the divine person present in Jesus of Nazareth.

THE AUTHOR
Jacob Chacko Naluparayil is a member of the Missionary Congregation of the Blessed Sacrament (M.C.B.S), a religious community of the Mar Thoma Nazranikal (St. Thomas Christians, India). He holds B.A. (Malayalam) from Kerala University; M.A. (Philosophy) from Dharamaram Vidhya Kshetram, Bangalore; Licentiate and Ph. D. in Biblical Theology from Studium Biblicum Franciscanum, Jerusalem. He teaches at the Pontifical Institute of Theology and Philosophy, Aluva, Keralam, India.

J. C. Naluparayil, The Identity of Jesus in Mark, (SBF Analecta 49), Franciscan Printing Press, Jerusalem 2000, 636 pp. US$ 60


A.M. Buscemi
Gli Inni di Paolo. Una sinfonia a Cristo Signore

E' la prima opera in italiano che presenta insieme i quattro inni maggiori di Paolo: Fil 2,6-11; Col 1,15-20; Ef 1,3-14; 2,14-18.
L’autore non solo analizza criticamente questi testi sublimi delle comunità paoline: introduzione ai problemi specifici, analisi letteraria e tematica, ma li concepisce anche come una sinfonia di lode a Cristo, Signore del cosmo e della Chiesa.

L'AUTORE
Alfio Marcello Buscemi è professore di esegesi e teologia biblica dal 1979 presso lo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme.
Ha pubblicato: L’uso delle preposizioni nella Lettera ai Galati, Jerusalem 1987; La gioia della salvezza. Meditazioni sul Vangelo di Luca, Jerusalem 1995; Paolo: vita opera e messaggio, Jerusalem 1996.

A. M. Buscemi, Gli inni di Paolo. Una sinfonia a Cristo Signore (SBF Analecta 48), Franciscan Printing Press, Jerusalem 2000, 189 pp. US$ 20


S. Loffreda
Ceramica del tempo di Gesù

Nella Introduzione al volume di 120 pagine dedicato alla “Ceramica del Tempo di Gesù” e in particolare ai vasi della Terra Santa nel periodo romano antico (63 av. C. – 70 d. C.), l’Autore, padre Stanislao Loffreda, docente di archeologia nello Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme, dice di voler offrire “una esposizione breve ma affidabile, chiara ma non pedantemente tecnica, popolare nel tono ma scientifica nel contenuto, panoramica ma non superficiale”. La promessa è stata mantenuta.
Scorrendo le pagine dedicate alle anfore, alle brocche e ai vasetti, ai piatti e alle tazze, ai vasi da cucina come pentole, bollitori e tegami, e alle lucerne, anche un non addetto ai lavori può farsi un’idea degli oggetti domestici in terracotta utilizzati in Palestina ai tempi di Gesù Cristo.
Risultano così chiariti tanti passi del Vangelo che alludono a questo o a quell’oggetto domestico presente sia nell’insegnamento parabolico di Gesù, sia in alcune vicende della sua vita quotidiana. Un esempio. La donna che a Betania versa sul capo di Gesù a mensa dell’olio profumato molto pregevole ha in mano un vaso di alabastro. Il profano penserà a quello che è abituato a chiamare alabastro e non andrà mai all’idea che si può trattare di un vaso di creta. Padre Loffreda puntualizza: il vaso in questione poteva essere anche di creta dal momento che il termine alabastro indicava non la materia del vaso ma il tipo specifico di vasi per unguento.
Il lettore di gusto più raffinato apprezzerà le dieci pagine che l’Autore dedica alla cronologia della ceramica per fissare con più o meno approssimazione l’età di un oggetto. L’Autore, la cui competenza in campo ceramologico è universalmente riconosciuta, presenta alcuni sussidi quali le fonti storiche, la tipologia, le statistiche, le monete, il carbonio 14 e le fabbriche locali.
Il lettore comune indugerà a vedere o rivedere le circa centocinquanta foto in bianco e nero o a colori che riproducono anfore, pentole, lucerne, unguentari in gran parte rinvenuti negli scavi della Custodia di Terra Santa e attualmente custoditi nel Museo della Flagellazione.
L’Autore fa qualche cenno alla genesi del presente volume. Sono state le continue persistenti insistenze dei colleghi dello Studium Biblicum che insegnano Sacra Scrittura a indurlo a presentare in maniera semplice il materiale di cui tante volte devono occuparsi gli esegeti commentando questa o quella pagina del Vangelo. Una prova di più per ripetere che Gesù di Nazaret non è avvolto nella nebbia del mito, ma si è immerso nella vita quotidiana di un abitante della Palestina del primo secolo.
Tra i ricordi personali che Loffreda dissemina nel suo volume, scritto con uno stile immediato che rifugge da ogni astrattezza, c’è anche quello dell’amico venuto a trovarlo a Cafarnao mentre l’archeologo era intento a ripulire un focolare. L’abbraccio caloroso lasciò inavvertitamente una vistosa impronta di nero sulla candida camicia dell’amico. All’imbarazzo di Loffreda l’amico sdrammatizzando affermò con grande entusiasmo: “Dopo duemila anni queste ceneri possono ancora tingere di nero mani e camicie”. L’episodio continua con una riflessione di un israeliano presente all’incontro: Noi ebrei a indicare la sacralità di un oggetto diciamo che esso sporca le mani. Quella cenere di duemila anni fa aveva acquistato agli occhi dei tre protagonisti carattere quasi sacro. Carattere quasi sacro che investe i singoli oggetti risalenti a venti secoli fa agli occhi del lettore che scorrerà le pagine illustrate e non del volume.

Giovanni Claudio Bottini

S. Loffreda, Ceramica del tempo di Gesù. Vasi della Terra Santa del periodo romano antico 63 a.C. - 70 d.C., (SBF Museum 14), Franciscan Printing Press, Jerusalem 2000, 119 pp. US$ 20


G. Giamberardini
S. Antonio Abate, Astro del deserto

Il Centro Francescano di Studi Orientali Cristiani del Cairo, sponsorizzato dalla Custodia Francescana di Terra Santa, con un contributo della Provincia Abruzzese dei Frati Minori "S. Bernardino da Siena", ha pubblicato la seconda edizione dello studio " S. Antonio Abate, Astro del deserto". Il volume, stampato dalla "Franciscan Printing Press" di Gerusalemme, ha una veste molto elegante. Già dalla copertina il lettore è portato ad assumere l’atteggiamento interiore idoneo per comprenderne il significato: dall’interno della grotta di S. Antonio, nella esperienza della solitudine contemplativa, il lettore guarda, attraverso l’imbocco della grotta, la valle immensa e, seguendo l’esperienza di Antonio, trova i parametri giusti per considerare la realtà dal punto di vista di Dio.
Lo studio di Padre Gabriele, infatti, come scrisse l’Osservatore Romano il 21 marzo 1957, non è "una pura e semplice divulgazione della vita e delle virtù di S. Antonimo Abate" bensì "un saggio, breve ma denso, rigorosamente condotto sulla scorta e garanzia dei dati storici, archeologici, filologici e geografici… Da questo scritto la figura del santo monaco balza intera e precisa, luminosa di umanità sopraelevata dalla grazia, tale da imprimersi fortemente negli animi".
P. Giamberardini, nel presentare il lavoro, nel 1956, non aveva trovato di meglio che riportare un lungo brano della "Vita di S. Antonio, versione copta dell’anno 539 M". E aveva ricordato il suo interesse per la liturgia e per i luoghi che riguardano il Santo precisando: "ci limiteremo a presentarlo come lo vediamo in Oriente, particolarmente in Egitto", che lo saluta come Astro del deserto.
Nella prefazione al volume P. G. Claudio Bottini indica i motivi della riedizione e sottolinea il merito di P. Libero Cruciali, che ha trascritto il testo, e di altri che hanno collaborato in vari modi.
Da notare in questa edizione la parte fotografica: sono ventiquattro tavole riunite in tre gruppi, due in bianco e nero che riproducono quasi tutte le foto della prima edizione con l’aggiunta di alcune nuove e un gruppo a colori con diciotto foto nuove.
Il raggruppamento, motivato da ragioni tipografiche, offre tuttavia la possibilità, dopo aver letto il testo come guida, di rifare il cammino attraverso i luoghi di Antonio: un cammino significativo che fa comprendere meglio la figura del Santo.
L’opera è divisa in tre parti.
La prima: "Itinerari e abitazioni di S. Antonio Abate" conduce il lettore, attraverso informazioni preziose di carattere storico, archeologico, geografico, ambientale, frutto di esperienze di prima mano, narrate con puntuale precisione e con gioia serena, a rendersi conto di quanto l’ambiente possa aver influito sulla personalità di Antonio. Un ambiente che ancora oggi è vivo e offre la possibilità di nuove esperienze.
La seconda parte: "Educazione e Spiritualità di S. Antonio Abate", offre una profonda analisi della sua personalità e aiuta a scoprire i motivi della sua fama che si riassumono nelle parole di S. Atanasio: "Antonio non era conosciuto a causa dei libri scritti o della sapienza mondana, ma soltanto a causa della sua pietà verso Dio … E, sebbene (i santi) vivano nascosti e non si manifestino al pubblico, è il Signore stesso che li manifesta a tutti come lucerna, affinché gli altri, ascoltandone (le gesta), si sentano attratti alla pratica della virtù" (p. 53). Tra i libri lasciati da P. Gabriele ho trovato recentemente una copia della prima edizione alla quale aveva attaccato un appunto scritto a macchina: "Stima di Shenûdah per S. Antonio Abate". «Se si mettono insieme tutti i monaci di questo tempo, insieme non fanno un solo Antonio». Bisa, Vita Sinuthii, ed. Leitpold, trad. lat. Weismann H., in CSCO. 129, n. 68, p. 19.
Nella terza parte l’Autore dà rilievo al culto tributato al Santo dalla Chiesa copta alla quale egli appartiene nella cui liturgia dedica al Santo maggiore effusione e solennità. Ragguaglia progressivamente "sulle generalità della commemorazione, sul ricordo della vita e della morte, sino agli splendori della glorificazione".
Come conclusione l’Autore riporta alcuni apoftegmi antoniani "per cedere allo stesso Santo la parola dell’ammonimento finale. Sono brevi, per sintetizzare quanto avanti è stato esposto più diffusamente; sono vari, per poter interessare tutti; sono ridotti, per non causare tedio proprio al momento di ingenerare il senso spirituale della vita".
La lettura del volume è piacevole; la descrizione dei viaggi e degli incontri vivace; la figura di Antonio delineata con attenta penetrazione del suo animo; il significato della sua esperienza profondo perché "seppe appartarsi dal mondo, unirsi a Dio e poi, nella virtù di Dio, rincontrare gli uomini colla parola di vita eterna" (p. 81).

Fr. Raimondo Corona ofm

G. Giamberardini, S. Antonio Abate, Astro del deserto (SOC Monographiae 10), Franciscan Printing Press, Cairo - Jerusalem, 2000, 108 pp. US$ 15


M. Adinolfi (con la collaborazione di G.B. Bruzzone)
Viaggio del cuore in Terra Santa

Una parola sul titolo di questa recentissima pubblicazione dalla grafica molto curata sui santuari di Terra Santa preparata da padre Marco Adinolfi in collaborazione con padre Gianbattista Bruzzone che operano nel Centro Propaganda e Stampa di Terra Santa in Milano. Il termine "cuore" è purtroppo svilito nel linguaggio corrente, ma esso è usato qui nel senso più genuino della Bibbia a indicare le profondità dell’essere dell’individuo nelle quali avviene il contatto con Dio. Non si tratta dunque di un’affannosa scorribanda tra una località e l’altra della Terra Santa che lascia in superfice le impressoni dei vari santuari. Come si dice nella presentazione, il libro intende far percepire e assaporare il messaggio biblico appena si indugi su questa o su quella pagina.
Lineare la struttura del volume che pur raggiungendo le 400 pagine, si legge con agilità e interesse. I santuari di Terra Santa sono visti nelle tre zone di cui si compone il paese: la Galilea, la Samaria e la Giudea, termini ormai familiari a ogni cristiano dalla lettura e dall’ascolto dei Vangeli. La presentazione di ogni santuario inizia con una delle più antiche testimonianze di autori vissuti o venuti in pellegrinaggio nella terra di Gesù, da Eusebio di Cesarea a Egeria, dall’Anonimo di Piacenza a S. Giustino, Origene e San Girolamo. Segue un brano di un Padre della Chiesa che trasmette il messaggio spirituale del luogo. Si passa poi ai brani evangelici ampiamente citati e diligentemente commentati commentati relativi agli eventi della storia della salvezza ivi accaduti o commemorati. Ogni paragrafo termina con una preghiera liturgica preceduta da un breve testo di un pellegrino moderno, da Joergensen a Frossard, da Barzini a Piovene, che ricorda l’esperienza del suo incontro con i Luoghi Santi e i Francescani.
Sono molte le "finestre" che si aprono sulla storia passata o sulla vita di oggi in campo pastorale, liturgico, sociale e culturale dei Francescani che da circa otto secoli custodiscono i Luoghi Santi per incarico dei Romani Pontefici. Non poteva mancare a questo riguardo l’accenno ai risultati degli scavi degli archeologi francescani in quest’ultimo secolo.
Arricchiscono il volume oltre trenta medaglioni di personaggi nati o vissuti in Palestina, da Abramo a Isaia, da San Pietro a Maria di Magdala, oppure di celebri visitatori antichi o recenti, come San Francesco d’Assisi e Sant’Ignazio di Loyola, Geremia Bonomelli e Angelo Roncalli, Matilde Serao e Cesare Angelini.
Il "viaggio del cuore in Terra Santa" non è dunque una delle numerose guide che indicano puntigliosamente al pellegrino tutte e singole le località da visitare. E neppure un prontuario per la celebrazione del Grande Giubileo del Duemila. E’ un libro che sul filo del discorso biblico invita a prepararsi adeguatamente all’incontro con Cristo nella sua terra o a rievocarlo quando si è tornati a casa.

G. Claudio Bottini

M. Adinolfi (con la collaborazione di G.B. Bruzzone), Viaggio del cuore in Terra Santa, Edizioni Piemme, Casale Monferrato 2000, 400 pp.


M. Piccirillo (Ed.)
In Terra Santa. Dalla crociata alla custodia dei Luoghi Santi

Per il Grande Giubileo del 2000, Papa Giovanni Paolo 11, sulla scia dei Profeti biblici e di quanti lungo i secoli hanno amato questa terra e augurato pace per essa e per i suoi abitanti, ha invitato i popoli a un grande pellegrinaggio verso la Terrasanta, proprietà di Dio, verso Gerusalemmel la casa di tutti, luogo di pace e di speranza. Due millenni sono trascorsi dall'Annuncio dell'Angelo a Maria di Nazareth, avvenimento che costituisce l'anno zero del nostro computo cristiano, e gli occhi del cuore dei credenti in Gesù Cristo sono ancora rivolti verso la Terrasanta, il paesaggio dell' anima cristiana.
Dalle terre più lontane i pellegrini si sono messi in viaggio per visitare i Luoghi Santi dove l'Evangelo fu predicato, per toccare e baciare quanto su questa terra è restato di Gesù, di Maria e degli Apostoli, per ripercorrere nella memoria gli avvenimenti della fede di cui avevano letto nei libri biblici dell'Antico e del Nuovo Testamento. Monaci, letterati, nobildonne romane, imperatrici, e tanti anonimi cristiani scelsero di vivere in questa terra dove sentivano più vicina l'eredità di Gesù.
'Abbiamo trovato qui i più illustri personaggi del mondo - scrisse san Girolamo nel VI secolo il Bretone, appena ha fatto qualche passo nella religione, volta le spalle al suo sole d'Occidente e viene a visitare i luoghi che non ha conosciuto se non per mezzo della fama delle Scritture. E cosa diremo dell'Armenia, della Persia, dell'India, dell'Etiopia, del Ponto e della Cappadocia, delle terre fertili per il monachesimo quasi come l'Egitto, della Siria, della Mesopotamia, di tutto lo sciame di solitari che vengono dall'Oriente e che danno un variopinto spettacolo di tutte le virtù. Le lingue sono differenti, ma la pietà è la stessa. Di tante nazioni che vi sono nel mondo, troviamo quasi altrettanti cori che salmodiano a Gerusalemme".
"Gerusalemme è stata fino dai tempi antichi la patria comune di tutte le nazioni - scrisse un pellegrino crociato -perché venivano da ogni parte del mondo a venerare i Luoghi Santi".
Ancora oggi, Greci, Armeni, Latini, Siriani, Copti, Etiopi, Russi, Rumeni, Georgiani, nella basilica del Santo Sepolcro, come negli altri santuari di Terrasanta, testimoniano l'attaccamento del mondo cristiano alla terra che inconsciamente considerano l'eredità più cara del passaggio di Gesù.
Con la mostra "In Terrasanta. Dalla Crociata alla Custodia dei Luoghi Santi", curata da padre Michele Piccirillo, archeologo e professore dello Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme, abbiamo voluto proporre un pellegrinaggio alla Terra del Vangelo e documentare la storia e le molteplici attività della Custodia di Terra Santa, nel ricordo di san Francesco, dei suoi rapporti con il Sultano, e di tutti i confratelli che nel corso dei secoli hanno contribuito alla fondazione e allo sviluppo di quest'Istituzione della Santa Sede e dei Frati Minori.
Invitiamo quindi il visitatore a seguire l'esposizione come un viaggio affascinante nella storia e nella vita della Custodia e come una sorta di pellegrinaggio ai Luoghi Santi, dove più che altrove si coglie il messaggio di amore che Egli ha lasciato all'umanità, da cui giunge ancora l'augurio di pace per tutti gli abitanti di questa terra e per le genti del mondo.

Giovanni Battistelli Padre Custode dí Terra Santa

Mille anni di storia attraversano le sale di Palazzo Reale: la straordinaria raccolta di oltre cinquecento opere della mostra "In Terrasanta. Dalla Crociata alla Custodia dei Luoghi Santi" racconta infatti di quell'incontro tra due mondi, Oriente e Occidente, che prese l'avvio con la prima Crociata e di cui è testimone e protagonista, da quasi otto secoli, la comunità francescana.
E proprio alla disponibilità della Custodia di Terra Santa va il merito di aver fatto sì che a Milano possa essere riunito, per la prima volta lontano dall'ambiente d'origine, un patrimonio artistico e assieme di documentazione dell'azione svolta a tutela di quei luoghi e a sostegno dei pellegrini e delle popolazioni locali.
La mostra ha offerto anche l'opportunità di contribuire al mantenimento di questa memoria attraverso appositi interventi di restauro, che hanno interessato principalmente il Tesoro di Betlemme e le sette importantissime tavole di Friedrich Pacher (restauro quest'ultimo, realizzato in collaborazione con il Tiroler Landesinstitut di Bolzano).
In significativa concomitanza con l'evento giubilare, il percorso nelle sale di Palazzo Reale vuole essere l'occasione per ripensare ai rapporti che si sono sviluppati in questa terra particolarissima, culla delle tre grandi religioni monoteiste, protagonista di scambi culturali ma anche di antiche e nuove incomprensioni tra popoli.
Questa mostra, con la sua suggestiva e importante documentazione, rappresenta dunque un'occasione per una sempre maggiore conoscenza reciproca, premessa per costruire uno stabile futuro di pace.

Gabriele Albertini Sindaco di Milano

M. Piccirillo (Ed.), In Terra Santa. Dalla crociata alla custodia dei Luoghi Santi, Ed. Artificio Skira, Milano 2000, 303 p.


P. Kaswalder - E. Bosetti
Sulle orme di Mosè. Egitto, Sinai, Giordania

Questa guida ripercorre i luoghi dell’Esodo. Si articola in 12 itinerari che, dalla terra di Goshen, in Egitto, giungono al Giordano, di fronte a Gerico: 12 itinerari attraverso il testo biblico. Ogni itinerario corrisponde a una giornata tematica e si articola in tre momenti:
1) l'evento e il suo contesto: approfondisce il testo biblico per collocare compiutamente l'episodio ricordato dai luoghi;
2) la memoria storica e i dati dell'archeologia; descrive i luoghi come si presentano oggi e come dai segni oggi visibili si possa comprendere il passato;
3) dalla terra alla vita: offre delle indicazioni spirituali per vivere "da pellegrini" il luogo e l'evento ricordato.
La guida ai luoghi dell'esodo è stata pensata ed elaborata sulla base di vari pellegrinaggi condotti insieme dai due autori. È rivolta ai pellegrini e agli animatori dei pellegrinaggi. Costituisce una preziosa introduzione storica, geografica, archeologica e teologica al mondo della Bibbia.

PIETRO KASWALDER è docente di archeologia allo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme; ha partecipato a campagne di scavo in siti di fondamentale importanza biblica.
ELENA BOSETTI è docente di esegesi biblica (Nuovo Testamento) alla Pontificia Università Gregoriana (Roma). Ha pubblicato presso le EDB: Il Pastore. Cristo e la chiesa nella prima letteradi Pietro, 1990; Luca, il cammino dell'evangelizzazione, 1997.

P. Kaswalder - E. Bosetti, Sulle orme di Mosè. Egitto, Sinai, Giordania. Nuova guida biblica e archeologica. EDB, Bologna 2000, 356 pp.


F. Manns
Le Judeo-christianisme, mémoire ou prophetie?

« Peu à peu, à la suite du concile Vatican II, l'Église, sans rien perdre de son originalité, prend conscience qu'elle est d'autant plus verdoyante qu'elle vit de sa racine juive », affirmait le cardinal Roger Etchegaray.
Le christianisme primitif est un rameau du judaïsme. Il est bon de rappeler à temps et à contre-temps cette vérité banale, car elle est trop vite oubliée dans l'Eglise qui s'est ouverte aux païens. Retrouver leur mémoire originelle, c'est, pour les chrétiens, s'ouvrir au judaïsme pluraliste et aux modes d'expression de la Synagogue du Ier siècle. Un rappel de l'histoire du judéo-christianisme, de la théologie judéo-chrétienne et de l'exégèse des origines s'impose donc.
En termes plus simples : ignorer le judaïsme, c'est se condamner à ignorer le milieu du Nouveau Testament et de l'Église primitive.
Dans notre époque qui peut être celle du suicide de l'humanité ou celle de la Paix, la réflexion proposée ici s'inscrit dans la perspective de ceux qui poursuivent un dialogue véritable avec les fils d'Abraham et œuvrent à leur réconciliation.

F. Manns, Le Judeo-christianisme, mémoire ou prophetie?, Beauchesne, Paris 2000, 383 p.


A. Niccacci
Siracide o Ecclesiastico.
Scuola di vita per il popolo di Dio

Il libro del Siracide, ovvero «La Sapienza di Gesù figlio di Sira», fu scritto «perché quanti amano lo studio possano fare ulteriori progressi nel vivere in maniera conforme alla legge» (così il Prologo). Nella Bibbia figura anche come Ecclesiastico, cioè libro della Chiesa per antonomasia, dato il larghissimo uso che se ne faceva nell'istruzione dei catecumeni, come un tempo nell'antica casa di studio o beth-hamidrash. In queste pagine, un attento biblista, docente nello Studio Biblico Francescano di Gerusalemme, accompagna i lettori moderni a riscoprire e gustare la saggezza e l'ottimismo con cui il maestro biblico educava alla sapienza i giovani che seguivano la sua originalissima scuola.

A. Niccacci, Siracide o Ecclesiastico. Scuola di vita per il popolo di Dio, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo 2000, 86 p.


L. Cignelli - S. M. Manelli
Conoscere la Bibbia. Prima iniziazione alla Bibbia

O Verbo eterno, Parola del mio Dio, io voglio passare La vita ad ascoltarti. Voglio ascoltare Te, in cui sono nascosti tutti i tesori della Sapienza di Dio; Te che hai mandato il tuo Spirito, perché m'introduca nella conoscenza di tutta la verità; Te che sei la Verità. O Verbo glorioso del Padre, dissipa le tenebre del mio spirito, perché io, illuminato da Te, faccia sempre la volontà del Padre e desideri solo quello che vuole Lui. Amen! Grazie senza fine!

Ven. padre Gabriele Allegra

L. Cignelli - S. M. Manelli, Conoscere la Bibbia. Prima iniziazione alla Bibbia, Casa Mariana Editrice, Castelpetroso 2000, 159 p.


M. Piccirillo (ed.)
Il viaggio del Giubileo. Alle radici della fede e della Chiesa

Il pellegrinaggio in Terra Santa di Giovanni Paolo Il è stato un tempo di festa per l'intera comunità cattolica della patria terrena di Nostro Signore Gesù Cristo. I frati francescani della Custodia di Terra Santa hanno condiviso pienamente la gioia dei credenti al vedere in mezzo a loro il successore di Pietro. Per noi, comunque, c'è stata inoltre un'esperienza del tutto particolare, la singolare consolazione di udire nelle parole del Papa un'ulteriore riconferma della perenne, validità del mandato affidatoci, a nome della cattolicità, dalla Sede Apostolica. Nel marzo dell'Anno Giubilare Giovanni Paolo II ha pronunciato queste parole di saluto e di fiducia ai francescani in Terrasanta in occasione dell'eccezionale viaggio che la prima sezione di questo volume intende documentare.

Ogni capitolo ci accompagna in ciascuna giornata del pellegrinaggio, riportando in apertura un discorso o un'omelia del Papa, seguito da una scheda del Padre Michele Piccirillo in cui si descrivono i luoghi visitati dal Santo Padre, testimoni di secoli di vita spirituale e dall'immenso valore storico e archeologico. Completano ciascuna giornata i dettagli di cronaca, gli incontri con le personalità locali, i popoli, la gente. La seconda sezione racconta, con la medesima struttura, il viaggio altrettanto eccezionale compiuto dal Papa un mese prima nei luoghi della rivelazione di Dio a Mosè, nel Sinai... (dalla prefazione di P. Giovanni Battistelli, Custode di Terra Santa).

Il viaggio del Giubileo. Alle radici della fede e della Chiesa, ed. M. Piccirillo, Gorle (BG): Custodia Terra Santa, 2000


 SBF main, Publications

Publications


In the Press

2009

2008

2007

2006

2005

2004

2003

2002

2001

2000

1999

1998

1996-98

Liber Annuus

cyber logo footer
Please fill in our Guest book form - Thank you for supporting us!
Created/updated: Saturday, December 8, 2001 by J. Abela ofm / E. Alliata ofm
This page makes use of Javascript and Cascading Style Sheets - Space by courtesy of Christus Rex
logo