Franciscan Custody of the Holy Land - 28/03/2000 info: custodia@netvision.net.il
Latest additions
28/03/2000


At the Armenian Orthodox Patriarchate
March 26, 2000

Your Beatitude,

It gives me great pleasure to visit you in your own residence, after having had the joy of meeting you in Rome on the occasion of the memorable visit of His Holiness Karekin the First in December nineteen-ninety-six. I cordially repeat the words I spoke at that time to the Catholicos Patriarch of All Armenians: "May the grace and cordiality of our meeting become like ‘a lamp shining in a dark place, until the day dawns and the morning star rises in your hearts’ (cf. 2 Pet 1:19)".

Our meeting today is yet another step forward which the Lord has granted us for the strengthening of ties between the Catholic Church and the Armenian Apostolic Church. In this Jubilee Year when we pray more intensely that the Lord will grant us the gift of unity, may our friendship be like a prayer rising up to the Father like incense, like the fragrance of the evening sacrifice offered on the Cross by his beloved Son.

Your Beatitude, in visiting your home I feel like a brother in the midst of brothers who together are striving to build up the Church of Christ. I thank you for your gracious welcome, and I ask the Risen Lord to grant to you and to all the clergy and faithful of the Armenian Apostolic Church in the Holy Land his gifts of prosperity, joy and peace.

[Original text:English]


Al Patriarcato Armeno-Ortodosso
26 Marzo, 2000

Beatitudine,

Ź per me un grande piacere visitarla nella sua residenza dopo avere avuto la gioia di incontrarla a Roma in occasione della memorabile visita di Sua Santitą Karekin I nel dicembre 1996. Ripeto di cuore le parole che rivolsi allora al Patriarca Catholicos di tutti gli Armeni: "Possano la grazia e la cordialitą del nostro incontro diventare come una ‘lampada che brilla in un luogo oscuro, finché non spunti il giorno e la stella del mattino si levi nei vostri cuori’ " (cfr 2 Pt 1,19)".

Il nostro incontro oggi Ź un ulteriore passo avanti che il Signore ci ha concesso per il rafforzamento dei vincoli tra la Chiesa cattolica e la Chiesa apostolica armena. In questo Anno Giubilare, quando preghiamo piĚ intensamente affinchŹ il Signore ci conceda il dono dell’unitą, possa la nostra amicizia essere come una preghiera che sale a Dio come incenso, come il profumo del sacrificio della sera offerto sulla Croce dal suo Figlio prediletto!

Beatitudine, visitando la sua casa mi sento come un fratello tra fratelli che insieme cercano di costruire la Chiesa di Cristo. La ringrazio per il suo gentile benvenuto e chiedo al Signore Risorto di concedere a lei e a tutto il clero e i fedeli della Chiesa apostolica armena in Terra Santa i suoi doni di prosperitą, gioia e pace.

[Testo originale:inglese]



Created / Updated Tuesday, March 28, 2000 at 23:14:36