Franciscan Custody of the Holy Land - 27/03/2000 info: custodia@netvision.net.il
Latest additions
27/03/2000


THE PRESS TODAY

26.03.2000

Links to articles published today

  • JERUSALEM POST (Israel) Pope places note in cracks of Wall
    Pope John Paul II touched the stones of the Western Wall this morning, prayed, crossed himself, and placed a note asking for forgiveness in its cracks. In the note, the pope asks God's forgiveness for sins against the Jews, Israel Radio reports. The note's text, written on a Vatican letterhead and signed by John Paul II, reads: "God of our fathers, you chose Abraham and his descendants to bring Your name to the nations... We are deeply saddened by the behavior of those who in the course of history have caused these children of Yours to suffer and, asking Your forgiveness, we wish to commit ourselves to genuine brotherhood with the people of the Covenenant." <

  • REFORMA (Mexico) Tiene previsto recorrer hoy Jerusalén
    JERUSALEN (AP).- Con la voz ronca luego de seis días de oraciones y homilías en Tierra Santa, el Papa Juan Pablo II fue aclamado ayer en Nazaret, el pueblo donde Jesús pasó su niñez. Allí celebró a la Virgen María en el día de la Anunciación, antes de una jornada políticamente muy delicada hoy, consagrada a los lugares santos de Jerusalén.

  • EL UNIVERSAL (Venezuela)
    Vaticano solicita reexaminar permiso para mezquita Gira pontificia serena ambiente entre cristianos y musulmanes
    JUAN PABLO II llamó, durante una misa en Nazaret, a los cristianos para que defiendan 'a la familia contra las numerosas amenazas que actualmente recaen sobre ella, su estabilidad y su misión'

  • EL MERCURIO (Chile) Papa pidió perdón por sufrimiento de los judíos Juan Pablo II visitó hoy los principales lugares sagrados del judaísmo, el islamismo y el cristianismo. El Pontífice depositó una carta con sus deseos entre las grietas del Muro de losLamentos.
    JERUSALEN.- Poco antes de finalizar su viaje por Tierra Santa para visitar los lugares en los que, según marca la tradición, vivió Jesus, el papa Juan Pablo II pidió hoy nuevamente perdón a Dios por las persecuciones de judíos que tuvieron lugar a lo largo de la historia.

  • CLARIN (Argentina) Juan Pablo II partió de Israel tras la histórica visita
    El Papa Juan Pablo II partió a las 19.30 hora local (14.30 de Argentina) del Aeropuerto Internacional Ben Gurión de Tel Aviv tras su histórica visita de seis días a Tierra Santa. El primer ministro de Israel, Ehud Barak, su esposa Navá y el presidente de ese país, Ezer Weizman, despidieron en el aeropuerto al Papa que vuelve a Roma.

  • BBC (UK) Holy Land farewell to the Pope
    Pope John Paul II has visited the most sacred sites in Jerusalem at the climax of his week-long pilgrimage to the Holy Land. He is now preparing to return to the Vatican, with Israel rolling out the red carpet for a full state departure at Tel Aviv's Ben Gurion Airport at 1900 (1700 GMT).
    At the Western Wall - Judaism's holiest site - he held a trembling hand to the ancient stones and begged God's forgiveness for the suffering of Jews throughout history.

  • THE INDEPENDENT (UK) Papal visit ends at sites sacred to three faiths
    26 March 2000 - Crowning his Holy Land pilgrimage, Pope John Paul II sank to his knees Sunday at the traditional site of Christ's crucifixion and resurrection, paid emotional tribute at the Western Wall to the sufferings of Jews, and stood on the hilltop revered by Muslims as the spot where the Prophet Mohammed ascended into heaven.

    Pope enters cauldron of conflict
    26 March 2000 - The Pope will today venture into the scalding inner core of the three-way religious conflict that has spawned divisions in the city of Jerusalem for 2,000 years, in a precarious but dramatic finale to his six-day Middle East pilgrimage.

  • THE TIMES (UK) Divided Nazareth unites to welcome the Pope
    Nazareth - Singing, drumming and cheering welcomed Pope John Paul II to Nazareth yesterday at the climax of an historic week-long pilgrimage to the Holy Land that has narrowed a 2,000-year-old gulf between Judaism and Christianity.

    POPE VISITS HOLIEST SITES
    Crowning his Holy Land pilgrimage, the Pope John Paul II sank to his knees at the traditional site of Christ's resurrection, journeyed to the Western Wall, Judaism's most sacred shrine, and stood on the hilltop revered by Muslims as the spot where the Prophet Mohammed ascended into heaven. Treading on ground sacred to all three faiths in the ancient confines of the walled Old City, the pontiff appealed for peace and reconciliation. At the Western Wall the pontiff shuffled foward to hold a trembling hand to the stones, then moved his lips in murmured prayer. Ehud Barak, the Israeli Prime Minister, then bade the Pope farewell at an official departure ceremony.

  • EL PAIS (Spain) El Papa insta a los cristianos de Jerusalén a superar las diferencias que les enfrentan
    El papa Juan Pablo II celebró ayer en Nazaret la fiesta de la Anunciación con una misa en la basílica del mismo nombre, amenazada por la construcción de una mezquita a pocos metros. Aunque el Pontífice no mencionó el tema en la homilía, luego se supo que ha pedido a Israel que revise el permiso dado al nuevo templo.

    Editorial: El Papa de todos

  • ABC (Spain)
    El Papa volvió inesperadamente al Santo Sepulcro
    Jerusalén, agencias - El Papa Juan Pablo II ha vuelto esta tarde a la Iglesia del Santo Sepulcro de manera imprevista y tras concluir su programa oficial de visitas de su peregrinación a Tierra Santa. La radio israelí informó de esta nueva visita al santuario cristiano sin dar más indicaciones, aunque entre la comitiva que acompaña al Pontífice se comentaba que había vuelto para rezar una vez más en el lugar de la muerte de Cristo. Este imprevisto regreso al Santo Sepulcro, donde ya estuvo esta mañana y donde celebró una Misa, ha causado cierta sorpresa pues el lugar se encuentra en la ciudad vieja de Jerusalén, donde necesita un vehículo especial para llegar pues el "papamóvil" no puede atravesar las estrechas callejuelas. Además, las autoridades israelíes extremaron esta mañana las medidas de seguridad en la ciudadela vieja por tratarse de un lugar conflictivo que se disputan judíos y árabes, y se entiende que para la vuelta del Papa se habrá tenido que activar de nuevo todo el dispositivo de seguridad

    Llevan el mensaje del Papa en el Muro de las Lamentaciones, al Memorial del Holocausto
    Jerusalén, agencias - El mensaje depositado el domingo por Juan Pablo II en el Muro de las Lamentaciones en Jerusalén, lugar más sagrado del judaísmo, fue llevado el domingo por la tarde a Yad Vashem, el Memorial del Holocausto, anunció un responsable israelí. «Hemos recuperado esta hoja de papel, que tiene valor histórico, para que no se ensucie o se la lleve el viento» afirmó el director de la oficina de prensa gubernamental, Moshe Vogel. En este texto, Juan Pablo II pide a Dios que perdone a quienes hicieron sufrir a los judíos en el curso de la historia. Esta iniciativa de recuperar el texto fue adoptada por las autoridades israelíes. El responsable no pudo indicar si se había consultado al Vaticano.

    Una comida con el patriarca Latino pone fin a la histórica peregrinación del Papa
    Una comida con el patriarca Latino de Jerusalén, Michel Sabbah, puso fin a la histórica peregrinación de Juan Pablo II a Tierra Santa, que concluyó hoy con una misa en el Santo Sepulcro en que la se pudo ver a un anciano Pontífice en buen estado de salud, contento y emocionado. Juan Pablo II demostró su buen estado dando la comunión a numerosos fieles.

  • DIE SUEDDEUTSCHE ZEITUNG (Germany) Papst bittet an der Klagemauer um Vergebung für Judenverfolgungen
    Jerusalem (dpa) - Papst Johannes Paul II. hat heute zum Abschluss seiner Nahost-Reise in einer besonderen Geste um Vergebung für die Judenverfolgungen gebeten. Nach einem Gebet an der Klagemauer in Jerusalem hinterließ er nach jüdischem Brauch in den Mauerritzen eine schriftliche Bitte an Gott um Vergebung. Zuvor hatte der Papst die Al-Aksa-Moschee besucht, eines der großen moslemischen Heiligtümer. Bei einem Treffen mit dem Großmufti Scheich Sabri betonte der Papst, Jerusalem sei die heilige Stadt für Juden, Christen und Moslems.

  • DIE WELT (Germany) Papst beendet triumphale Reise an der Klagemauer
    Jerusalem (dpa) - Der Papst betet an der Klagemauer. Gleißende Sonne fällt auf das höchste jüdische Heiligtum in der Altstadt von Jerusalem. Tief verbeugt sich der alte Mann. Nach jüdischer Sitte steckt er eine Bitte an Gott in die Mauerritzen. Zum Abschluss seiner einwöchigen Nahost-Reise am Sonntag gelingt Johannes Paul II. noch einmal eine ganz große Geste - die ausdrückliche Bitte um Verzeihung für die Judenverfolgungen in der Geschichte, an der sich all zu oft auch Christen beteiligt hatten. Beginn einer neuen Ära zwischen Christen und Juden?

  • USATODAY Pope wraps up Holy Land pilgrimage
    JERUSALEM - Crowning his Holy Land pilgrimage, Pope John Paul II visited the traditional site of Christ's resurrection, journeyed to Judaism's most sacred shrine and stood on the hilltop revered by Muslims as the spot where the Prophet Mohammed ascended into heaven. Treading on ground sacred to all three faiths, the pontiff appealed for peace and reconciliation. But he was reminded again and again of competing claims to sovereignty over the city, whose eastern sector is controlled by Israel but claimed by Palestinians as the capital of a future Palestinian state. The trip ended Sunday afternoon as the pontiff's plane took off from Ben Gurion airport outside Tel Aviv after a ceremonial farewell from Israeli Prime Minister Ehud Barak and top dignitaries.

    Pope visits sites sacred to three faiths
    JERUSALEM (AP) - Crowning his Holy Land pilgrimage, Pope John Paul II sank to his knees Sunday at the traditional site of Christ's resurrection, journeyed to Judaism's most sacred shrine and stood on the hilltop revered by Muslims as the spot where the Prophet Mohammed ascended into heaven.

  • LE MONDE (France) Le pape achève son pèlerinage en demandant pardon à Dieu pour les souffrances des juifs
    Le pape Jean Paul II a lancé un nouvel appel à la réconciliation, dimanche 26 mars, lors de la dernière messe qu'il a célébrée en Terre sainte au Saint-Sépulcre dans la Vieille Ville de Jérusalem, là où selon les Evangiles, Jésus a été enterré et a ressuscité.
    Le pape Jean Paul II a demandé pardon à Dieu pour les souffrances des juifs, dans le message qu'il a glissé sur une feuille de papier dimanche 26 mars dans un interstice du Mur des Lamentations, le lieu le plus sacré du judaïsme.
    «Dieu de nos pères, Vous avez choisi Abraham et ses descendants pour amener Votre nom aux nations : Nous sommes profondément attristés par le comportement de ceux qui dans le cours de l'histoire ont fait souffrir Vos enfants et nous demandons Votre pardon », était écrit en anglais sur la feuille de papier blanc qu'un correspondant de l'AFP a pu lire.
    Ce message, portant le sceau du Vatican en haut de la feuille, était signé « Johannes Paulus II », Jean Paul II en latin.

  • EUROPE INFOS (France) Jean-Paul II a quitté Israël
    Le pape rentre à Rome après son pèlerinage d'une semaine en Terre Sainte. Ce matin, au Mur des Lamentations à Jérusalem, il a demandé pardon à Dieu pour les souffrances des Juifs.

  • IL CORRIERE DELLA SERA Il Papa chiede perdono agli ebrei davanti al Muro del pianto
    Nel corso dell'ultima giornata del pellegrinaggio in Terrasanta, Giovanni Paolo II ha nuovamente chiesto perdono agli ebrei per le persecuzioni inflitte ai cristiani infilando un messaggio tra le pietre del Muro del pianto davanti a cui si è raccolto in preghiera. Poi la messa al Santo sepolcro
    Gerusalemme (Israele) - Un pellegrinaggio all'interno dei luoghi sacri di Gerusalemme quello compiuto oggi dal Papa nel corso del suo ultimo giorno di permanenza in Terrasanta. Il momento più toccante è stato quando Giovanni Paolo II si è raccolto in preghiera davanti al Muro del pianto. Nel messaggio infilato fra le millenarie pietre del Muro il Papa ha chiesto il perdono divino per le persecuzioni degli ebrei avvenute nel corso della storia ad opera di fedeli cristiani. «Dio delle nostre fedi - è scritto nel messaggio lasciato dal Pontefice - che hai scelto Abramo e i suoi discendenti per portare il tuo nome alle nazioni esprimo profonda tristezza per coloro che nel corso della storia hanno provocato sofferenze ai tuoi figli. Chiediamo il tuo perdono; noi ci impegniamo alla fraternità genuina con il popolo dell'Alleanza».
    Successivamente Giovanni Paolo II è andato al Santo Sepolcro dove ha celebrato la messa. In precedenza invece il Papa aveva visitato la spianata delle Moschee dove era stato accolto dal Mufti (suprema autorità islamica) di Gerusalemme Ikrama Sabri e dai massimi esponenti del Waqf (custodia dei luoghi islamici). Nel colloquio avvenuto con il Mufti il Pontefice ha ricordato come «Gerusalemme è la citttà santa per eccellenza. Essa forma parte del comune patrimonio delle nostre religioni e di tutta l'umanità. Possa l'Altissimo assicurare la pace a tutta questa amata regione».

  • LA REPUBBLICAIl Pontefice, prima della partenza, torna al Santo Sepolcro al Muro del Pianto aveva chiesto il perdono divino
    Il Papa sul Calvario in visita fuori programma
    "Lo spirito ci darà la forza per superare le divisioni". In serata il pontefice è ripartito per Roma
    GERUSALEMME - Un eccezionale fuori programma, quello con cui il papa si è voluto congedare dalla Terrasanta. Il Pontefice, infatti, nel pomeriggio è voluto tornare nella Basilica del Santo Sepolcro, tappa cruciale della sua visita nei luoghi della vita di Gesù Cristo. E ha fatto quello che stamattina non era riuscito a fare: salire al Calvario, percorrendo i gradoni di pietra levigati dal tempo che portano alla Cappella. Per raccogliersi ancora una volta in preghiera.
    La seconda visita è stata raccontata con commozione da padre Luis Terrato, superiore della basilica. "Stavamo giusto finendo di recitare i vespri - ha raccontato il francescano - poco prima delle 16, in attesa di cominciare la nostra processione quotidiana nella cappella del Santo Sepolcro, quando alcuni uomini della vigilanza sono venuti a dirci: 'presto, fate presto che sta arrivando il Papa'. Hanno letteralmente buttato fuori i turisti e alle 16.30 è arrivato il Papa. Cosa posso dire? Non riesco a crederci. Il Papa stamani era andato via con il desiderio di salire al Calvario. Se ne era andato guardando lassù, sovrapensiero. Ma mai avremmo creduto che sarebbe tornato".

  • IL MESSAGGERO Il Pontefice chiede perdono agli ortodossi e invita al dialogo
    Il Papa: cristiani, mai più liti Il Vaticano dice no alla moschea di Nazaret
    GERUSALEMME -- Vibrante appello all’unità tra le chiese cristiane. Lo ha rivolto ieri il Papa a Gerusalemme affinché si superi «la scandalosa impressione suscitata dai nostri dissensi e dalle nostre controversie». Oggi il pellegrino Karol Wojtyla conclude il suo lungo viaggio in Terrasanta. Lo farà recandosi al Muro del Pianto e al Santo Sepolcro. Alla vigilia del suo ritorno in Vaticano, la Santa Sede ha rilanciato la crociata contro la costruzione della moschea nella spianata dell’Annunciazione a Nazaret: «La Santa Sede - ha detto il portavoce Navarro Valls - ha chiesto ufficialmente al governo di Israele di riconsiderare il problema».

  • IL GIORNO (Italia) L'appello di pace del Papa dai luoghi santi delle tre religioni
    L'ultima giornata del pontefice in Israele caratterizzata dalle visite negli spazi sacri di ebrei, cristiani e musulmani
    GERUSALEMME, 26 MARZO - Il Muro occidentale, resto, per gli ebrei, della casa di Dio sulla terra; la spianata delle moschee, terzo luogo santo dell'Islam, e la basilica del Santo Sepolcro, «madre di tutte le chiese» perchè qui morì e risorse Gesù. L'ultimo giorno del viaggio del Papa in Terra Santa è segnato dalle visite a luoghi carissimi alle tre religioni, con la preghiera silenziosa davanti al Muro e il porre tra le antiche pietre, come un ebreo, la sua fituech, la personale preghiera a Dio, che ripete le parole del mea culpa del 12 marzo, per ciò che riguarda gli israeliti. «Esprimo - vi è scritto tra l'altro - profonda tristezza per coloro che nel corso della storia hanno provocato sofferenze ai tuoi figli. Chiediamo il tuo perdono; noi ci impegniamo alla fraternità genuina con il popolo dell'Alleanza».

    Wojtyla, una rosa a Maria
    Il Papa a Nazareth sul luogo dell'Annunciazione. In silenzio la preghiera degli islamici
    GERUSALEMME - Per un giorno lo "sceicco" Nazim ha scelto il profilo basso. Ha spento il megafono e ha chiamato alla preghiera gli ultrà del movimento "Haraka Islamiye" contando solo sulle sue corde vocali.

  • LA STAMPA (Italia) Papa: al Muro del pianto la preghiera del Mea culpa
    Una visita alla spianata delle moschee di Al-Aqsa, terzo luogo santo dell'Islam, e di Omar, la cui cupola d'oro è stata scelta come simbolo del nascente Stato Palestinese, poi una preghiera e una benedizione al Muro del Pianto il più importante luogo religioso dell'Ebraismo (dove, come fanno gli ebrei, ha anche lasciato il suo «kfituech», cioè un foglio con preghiere e richieste molto personali a Dio), infine la messa al Santo Sepolcro, dove Cristo è risorto: percorrendo poche centinaia di metri, all'interno della città vecchia, Giovanni Paolo II ha compiuto questa mattina un pellegrinaggio al cuore stesso delle tre grandi religioni monoteistiche, che vorrebbe riconciliate tra loro, perchè sia di pace il terzo millennio appena iniziato.

  • CNN ITALIA Il Papa a Gerusalemme prega al Muro del Pianto
    Chiede nuovamente perdono agli ebrei
    GERUSALEMME (CNN) -- Nell'ultimo giorno del suo pellegrinaggio in Terrasanta, Giovanni Paolo II ha visitato i luoghi sacri dell'ebraismo, dell'islam e del cristianesimo a Gerusalemme, la città simbolo delle tre grandi religioni monoteistiche. Alla spianata delle moschee il Pontefice ha incontrato il gran mufti, la massima autorità religiosa islamica di Gerusalemme. Al muro del Pianto ha nuovamente chiesto perdono per le colpe dei cristiani nei confronti degli ebrei. Al Santo Sepolcro ha rinnovato l'esortazione all'unità della chiesa. Il pellegrinaggio ha poi avuto un "fuori programma": prima di ripartire per Roma, Giovanni Paolo II è tornato a sorpresa al Santo Sepolcro "espressamente per pregare davanti al Calvario", come ha raccontato incredulo il superiore della chiesa, padre Luis Terrato.

    La "fituch" del Papa

    Alla spianata delle moschee

    Al Santo Sepolcro

    Alla cappella del Calvario

  • ANSA IL PAPA CHIEDE PERDONO A DIO PER LE PERSECUZIONI DEGLI EBREI
    (ANSA) - GERUSALEMME, 26 MAR - Come fanno gli ebrei il Papa ha pregato davanti al Muro del pianto e poi ha collocato tra le antiche pietre la sua ''fituch'', il foglio che nella tradizione contiene preghiere, richieste fatte a Dio, meditazioni personali. Nel messaggio infilato fra le millenarie pietre del Muro del Pianto papa Giovanni Paolo II ha chiesto il perdono divino per le persecuzioni degli ebrei avvenute nel corso della storia ad opera di fedeli cristiani. Nel foglio - brevemente ripreso dalle telecamere della tv israeliana - e' contenuta la parola 'forgiveness', perdono. Nel testo il Papa conferma quanto gia' affermato al Museo dell'Olocausto Yad va-Shem di Gerusalemme che la Chiesa e' ''profondamente rattristata'' per quelle persecuzioni. In una spianata tenuta vuota dall'imponente servizio di sicurezza israeliano che ad alcune decine di metri dal Papa ha fermato, trascinandolo via, un ebreo ultraortodosso che evidentemente protestava per quanto stava accadendo, Giovanni Paolo II ha compiuto un gesto di particolarissimo significato nei rapporti con l'ebraismo. Sceso dalla sua automobile si e' avvicinato al muro, prima del quale era stato collocato un piccolo leggio con alcune sedie. Seduto ha ascoltato il rabbino Melkiore che ha letto un salmo in ebraico e ha poi aggiunto che non piu' a lungo 'vogliamo attendere l'inizio di una nuova era di pace per tutti' non piu' a lungo vogliamo attendere per la collaborazione per la pace e la fraternita' fra ebrei, cristiani e musulmani, non piu' a lungo vogliamo attendere a causa delle religioni per la pace. (ANSA).

    PAPA: NEL MURO DEL PIANTO LA PREGHIERA DEL MEA CULPA
    (ANSA) - GERUSALEMME, 26 MAR La preghiera lasciata dal Papa nel Muro del pianto e' la parte riguardante gli ebrei del mea culpa celebrato in Vaticano lo scorso 12 marzo. I due testi sono esattamente uguali. (ANSA).

    PAPA: DAL SANTO SEPOLCRO PREGA PER UNITA' DELLA CHIESA
    (ANSA) - GERUSALEMME, 24 MAR - Di fronte al Santo Sepolcro, per la Chiesa cattolica il luogo piu' sacro della terra, in quello che puo' essere considerato il culmime del suo pellegrinaggio giubilare, Giovanni Paolo II ha oggi rinnovato l'esortazione all'unita' della Chiesa. ''Qui - ha detto durante la Messa - presso il Santo Sepolcro e il Golgota, mentre rinnoviamo la nostra professione di fede, possiamo forse dubitare che nella potenza della spirito della vita ci verra' data la forza per superare le nostre divisioni e operare insieme al fine di ricostruire un futuro di riconciliazione, di unita' e di pace?''. Il Papa e' giunto alla basilica, che sorge nel dedalo dei vicoli della citta' vecchia, a bordo di una piccola vettura. Ha percorso a piedi gli ultimi metri della ''via dolorosa'' ed e' entrato nella basilica, preceduto da quattro kawas, gli uomini in abiti ottomani, che fin dall'epoca del dominio dell'impero turco precedevano i patriarchi per fendere la folla. Lo stesso hanno fatto anche oggi, battendo ritmicamente per terra con dei lunghi bastoni con il pomo d'argento. Il Papa, profondamente concentrato, e' apparso in discrete condizioni, si e' fermato prima davanti alla pietra dell'unzione, dove secondo la tradizione, Gesu', deposto dalla croce, venne cosparso di oli per essere preparato alla sepoltura.

  • MEDIASETONLINE
    IL PAPA E' PARTITO PER ROMA
    Conclusa la visita in Terra Santa
    TEL AVIV - Papa Giovanni Paolo II ha concluso il suo pellegrinaggio di sette giorni in Terra Santa. Al termine della cerimonia di addio - alla presenza del capo dello stato Ezer Weizman, del premier Ehud Barak e di numerose altre personalita' - il Pontefice e' salito a bordo di un aereo della El Al. Weizman, parlando in tv, aveva definito Wojtyla "un uomo saggio e coraggioso" che "ha saputo lasciare la sua impronta nella storia". (ANSA)

    Venti minuti di preghiera davanti al S.Sepolcro
    Con grande stupore della comunità francescana custode della basilica, Giovanni Paolo II è tornato al Santo Sepolcro per una visita privata. "E' venuto espressamente per pregare davanti al Calvario. E per noi è stato assolutamente favoloso", spiega il superiore della chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme, padre Luis Terrato.
    Un grande scompiglio si è generato quando, intorno alle 16.30, il Papa è tornato alla basilica, per pregare davanti al Calvario, affrontando una scalinata di cinque metri che aveva rinunciato a salire durante la celebrazione della Messa. "E' entrato - ha continuato il frate - io gli sono andato incontro, mi ha sorriso dirigendosi direttamente verso la scalinata. Passo passo, reggendosi al corrimano, è salito fino in cima. C'era un greco-ortodosso, che stava pregando. Ci siamo messi dietro il Papa: il suo segretario mons. Stanislao, il greco ed io. E' rimasto a pregare immobile, completamente assorto, impenetrabile. Poi, dopo venti minuti, si è alzato, ci ha sorriso e siamo scesi". Dopo aver posato per una foto con tutta la comunità francescana, ha lasciato la Basilica intorno alle 17.00, salutato da turisti e commercianti della città vecchia trattenuti da un cordone di agenti di sicurezza e soldati israeliani.
    Alle 18 (locali e italiane) Giovanni Paolo ha lasciato anche la residenza privata del nunzio apostolico a Gerusalemme per raggiungere l' aeroporto di Tel Aviv. Il decollo dell' aereo papale è avvenuto alle 19.00, dopo una breve cerimonia di saluto, alla presenza del presidente israeliano Ezer Weizman e il premier Ehud Barak.

  • CNN On final day of pilgrimage, pope visits sites sacred to 3 faiths
    JERUSALEM (AP) - Crowning his Holy Land pilgrimage, Pope John Paul II sank to his knees Sunday at the traditional site of the resurrection of Jesus, journeyed to Judaism's most sacred shrine and stood on the hilltop revered by Muslims as the spot where the Prophet Mohammed ascended into heaven.

  • ABCNEWS Drawn By The Power
    JERUSALEM, March 26 - Pope John Paul II completed his pilgrimage in the Holy Land on solid spiritual footing as he made a highly touching, unscheduled return visit back to the Church of the Holy Sepulchre for a final prayer.The pope prayed at Judaism’s holiest site, the Western Wall, and in an unprecedented gesture of reconciliation asked Jews to forgive centuries of Christian sins against their people.

    gpo



Created / Updated Monday, March 27, 2000 at 00:11:23