Franciscan Custody of the Holy Land - 24/03/2000 info: custodia@netvision.net.il
Latest additions


THE PRESS TODAY

00.03.2000

Links to articles published today

  • HA'ARETZ (Israel)
    Pope seen to endorse a state for Palestinians
    Pope John Paul II yesterday fulfilled one Palestinian expectation by reiterating in Bethlehem the traditional Vatican position that "the Palestinian people have the natural right to a homeland."

    Israel 'satisfied' with content of Pope's remarks
    Political sources in Jerusalem said they were satisfied with the Pope's speeches yesterday in his visit to the Palestinian Authority.

    'Take courage, Christians'

  • EL UNIVERSAL (Brasil)
    Juan Pablo II llamó a la reconciliación entre judíos y cristianos
    Jerusalén.- El papa Juan Pablo II hizo hoy jueves un llamamiento a "actuar por una nueva era de reconciliación y paz entre judíos y cristianos", durante la recepción que le ofreció el presidente israel, Ezer Weizman, en su residencia oficial de Jerusalén, informó EFE. "Mi visita es una promesa de que la Iglesia Católica hará todo lo posible para lograrlas", aseguró el Papa en el discurso que pronunció en inglés el tercer día de su visita a Israel, que comenzó el martes y durará cinco días, uno de los cuales dedicó ayer a visitar Belén y otras zonas de la Autónoma Palestina. Juan Pablo II dijo al dirigirse a Weizman que "a esta reunión, ambos traemos una larga historia: usted representa la memoria judía aquí a través de los siglos y milenios, y yo vengo como alguien cuya memoria cristiana se extiende durante dos mil años, desde que Jesucristo nació en esta misma tierra".

  • REFORMA (Mexico)Apoya el Papa a los palestinospor David Horovitz
    BELEN, Cisjordania.- Para delicia de los palestinos, el Papa Juan Pablo II dedicó el primer día completo de su peregrinaje a Tierra Santa a emitir un sonoro apoyo a las aspiraciones palestinas de independencia y una sentida súplica para una solución al problema de sus refugiados.

  • CLARIN (Argentina)EN BELEN - El Papa pidió una patria para los palestinos
    Dijo que han esperado y sufrido demasiado. Fue aclamado por diez mil católicos palestinos Al acto asistió Yasser Arafat.

    Israel también debe pedir perdón por Yasser Arafat
    A dos mil años del momento en que los ángeles del cielo anunciaron "Paz en la Tierra" en la pequeña ciudad palestina de Belén, Palestina se viste de fiesta para recibir en su propio territorio al papa Juan Pablo II. Nuestro pueblo da la más afectuosa bienvenida a Su Santidad a Jerusalén, donde el mundo de la cristiandad y el islam se unen para producir un mensaje eterno de amor, paz y libertad.

  • BBC (UK)Israel hails Pope's Holocaust grief
    Israel has welcomed Pope John Paul's Holocaust memorial speech - in which he expressed grief at Christian persecution of Jews - as "a milestone" in efforts to reconcile the two religions.

  • THE INDEPENDENT (UK)Pope condemns Holocaust but cannot say sorry
    In a hall built on ashes of Jewish dead, John Paul refuses to admit Catholic church failed to speak out against wartime genocide.

  • THE TIMES (UK)Pope condemns Israeli treatment of Palestinians
    The Pope yesterday attacked Israel's conduct towards the Palestinians on the first full day of his pilgrimage to the Holy Land.

    Pope offers no apology to Jews
    Pope John Paul voiced the sadness of the Roman Catholic Church for centuries of Christian hatred of Jews at a landmark ceremony to mourn the six million Jews slaughtered in the Holocaust. But in a visit to Israel's Yad Vashem memorial to victims of the Final Solution, the Pope stopped short of the explicit apology that many Jews had sought for the silence of the Vatican over suffering in the Nazi era. "I assure the Jewish people that the Catholic Church ... is deeply saddened by the hatred, acts of persecution and displays of anti-Semitism directed against the Jews by Christians at any time and in any place," the Pope said. "Let us build together a new future." Ehud Barak, the Israeli Prime Minister, hailed the landmark visit as an embodiment of healing between the Roman Catholic Church and Jews.

  • EL PAIS (Spain)Juan Pablo II defiende el derecho del pueblo palestino a tener un territorio independiente
    La sola presencia del Papa ayer en una zona controlada desde 1995 por la Autoridad Palestina representa un espaldarazo para las aspiraciones nacionales de este pueblo. El presidente Yasir Arafat habló de Jerusalén como "capital eterna de Palestina" y una ciudad "ocupada".

  • ABC (Spain)Juan Pablo II reclama en Belén el derecho de los palestinos a una patria y a la paz
    Juan Pablo II no pronunció ayer la palabra «Estado» durante su visita a Belén y los territorios de la Autoridad Palestina pero besó el suelo a su llegada y otorgó a Yasser Arafat el mismo tratamiento que a cualquier jefe de Estado anfitrión. El Papa recordó al mundo el sufrimiento de los palestinos, muchos de los cuales son todavía refugiados, y pidió mayor ayuda a la comunidad internacional. Ayer fue día de fiesta en Palestina.

  • DIE WELT (Germany) Papst gedenkt der Holocaust-Opfer
    Jerusalem (dpa) - Papst Johannes Paul II. hat sich beim Besuch derHolocaust-Gedenkstätte in Jerusalem erschüttert über Antisemitismus und Judenverfolgungen durch Christen geäußert. Allerdings äußerte er sich entgegen manchen Erwartungen nicht zum «Schweigen» des Vatikans während der Zeit der Nazimorde. Am Abend kam es bei einem Dialog von Moslems, Juden und Christen zu einem Eklat, als ein Scheich schwere Vorwürfe gegen Israel erhob. Er warf den Sicherheitskräften «Mord und Totschlag bei moslemischen Heiligtümern» in Ost-Jerusalem vor.

  • DIE SUEDDEUTSCHE ZEITUNG (Germany) Papst gedenkt der Holocaust-Opfer
    Jerusalem (dpa) - Papst Johannes Paul II. hat sich beim Besuch der Holocaust-Gedenkstätte in Jerusalem erschüttert über Antisemitismus und Judenverfolgungen durch Christen geäußert. Allerdings äußerte er sich entgegen manchen Erwartungen nicht zum «Schweigen» des Vatikans während der Zeit der Nazimorde. Am Abend kam es bei einem Dialog von Moslems, Juden und Christen zu einem Eklat, als ein Scheich schwere Vorwürfe gegen Israel erhob. Er warf den Sicherheitskräften «Mord und Totschlag bei moslemischen Heiligtümern» in Ost-Jerusalem vor.

  • USATODAY Pope says church saddened by Holocaust
    JERUSALEM - Addressing the Jewish people at their Holocaust memorial in highly personal words, Pope John Paul II said Thursday that the Roman Catholic church is ''deeply saddened'' by Christian persecution of Jews throughout history, and called for a new relationship between the two faiths based on their common roots. His words were seen as the crowning chapter to efforts throughout his 22-year papacy to reconcile Jews and Christians. Still, many Jews had hoped for more. The pope did not assign any blame to the Catholic Church hierarchy, and he did not mention Pope Pius XII, the wartime pontiff accused by many Jews of staying silent while their brethren were killed.

  • LE MONDE (France) A Yad Vashem, le pape a voulu sceller les retrouvailles entre juifs et chrétiens
    Poursuivant son pèlerinage en Terre sainte, Jean Paul II s'est rendu, jeudi matin 23 mars, au mémorial de Yad Vashem, qui perpétue à Jérusalem le souvenir et l'étude de la Shoah. Le Pape, qui a rencontré jeudi les deux grands rabbins d'Israël, Meïr Lau et Mordechaï Bakshia Doron, a prononcé dans ce lieu de mémoire un discours destiné à sceller la réconciliation entre juifs et chrétiens. La veille, il avait visité en compagnie de Yasser Arafat, président de l'Autorité palestinienne, un camp de réfugiés proche de Bethléem. Jean Paul II s'y est ému des "conditions dégradantes" dans lesquelles vivent ces réfugiés. Sa visite devait se poursuivre au lac de Tibériade, vendredi, puis à Nazareth, samedi, et à Jérusalem, dimanche 26 mars.

  • LIBERATION (France)B énédiction papale pour la Palestine
    En Cisjordanie, le pape a soutenu le droit des Palestiniens à une patrie.

  • IL CORRIERE DELLA SERA Il Papa: «Costruiamo un futuro senza sentimenti antiebraici»
    Dura condanna dell'antisemitismo nel discorso pronunciato a Gerusalemme dal Papa dopo la visita al museo dell'Olocausto. La replica di Barak: le parole del Pontefice «sono un gesto che guarisce il passato». Giovanni Paolo II aveva cominciato la sua terza giornata in Terrasanta con una messa nella chiesa della Dormizione, nella sala, dove, secondo la tradizione, si sarebbe svolta l'Ultima cena di Gesù

  • LA REPUBBLICA La Palestina per il web è già uno stato indipendente
    Via libera alla creazione del dominio "ps". Ma non mancano le polemiche. Gli israeliani: "Non ne hanno diritto"

    Il Papa celebra nella sala del Cenacolo
    GERUSALEMME - Papa Giovanni Paolo II è giunto stamane alla Chiesa della Dormizione, sul monte Sion, dove ha celebrato una messa privata nella sala dove, secondo la tradizione, si svolse l'ultima cena di Gesù. Il Papa farà poi visita ai due rabbini capo, nella grande sinagoga adiacente gli uffici del rabbinato, e succesivamente al presidente Ezer Weizman, nella sua residenza. Il Papa andrà poi allo Yad Vashem, il Museo dell'Olocausto, dove pronuncerà un atteso discorso. Nel pomeriggio, infine, parteciperà ad un incontro interconfessionale.

    "Dobbiamo avere uno Stato". L'emozione di Suha Arafat
    La moglie del leader palestinese, che si è convertita all'Islam, ha seguito la messa papale

  • IL MESSAGGERO «Basta al dramma del popolo palestinese»
    Da Betlemme Wojtyla torna ad invocare una pace giusta «garantita mediante negoziato»

    E dopo l’omelia si interrompe la Messa
    Dal minareto arriva il canto del muezzin

  • IL GIORNO (Italia) Il Papa in Israele: ricordare la Shoah perché il male non prevalga
    Giovanni Paolo II allo Yad Vashem, museo dell'Olocausto. Non ha fatto mea culpa ma le sue parole sull'antisemitismo sono state forti

  • LA STAMPA (Italia) "Ricordare l'Olocausto per combattere il male"
    Il Papa ha tenuto in Israele l'atteso discorso sulla memoria dell'Olocausto. Non ha fatto un mea culpa per le responsabilità della Chiesa cattolica ma ha usato parole forti contro l'antisemitismo. Nessuno può dimenticare la Shoah, bisogna invece ricordare, «che mai più il male prevarrà», come avvenne per milioni di vittime innocenti del nazismo, che arrivò disprezzando Dio. Ma solo «vincendo il male col bene si potrà creare quel mondo di pace e di giustizia» nel quale non ci siano più sentimenti antiebraici o anticristiani.

  • CNN ITALIA Giovanni Paolo II s'inchina al mausoleo dell'Olocausto
    Nuova giornata storica nel viaggio di Giovanni Paolo II in Terrasanta: il leader della Chiesa cattolica si è inchinato davanti alla fiamma che ricorda i sei milioni di ebrei sterminati dai nazisti, nel mausoleo dell'Olocausto a Gerusalemme.

  • RAINEWS24 Papa. Oggi è il giorno della memoria
    Prosegue la visita di Papa Giovanni Paolo II in Terra Santa. Stamane il Papa è giunto alla Chiesa della Dormizione, sul monte Sion, per celebrare una messa privata nella sala dove si svolse l' ultima cena di Gesù. Nel pomeriggio c'è grande attesa da parte dell'opinione pubblica israeliana per la visita al Museo dell'Olocausto.

    Papa. «Nessuno dimentichi l'Olocausto»
    Giovanni Paolo II ha reso omaggio alle vittime dell'Olocausto nazista.

  • ANSA IL PAPA IN ISRAELE: IN PREGHIERA AL CENACOLO, POI ANDRA' AL MUSEO DELL'OLOCAUSTO
    (ANSA) - GERUSALEMME, 23 MAR - Nel luogo ove, secondo la tradizione cristiana, si svolse l'Ultima cena e quindi fu istituita l'Eucaristia e celebrata la prima Messa, un Giovanni Paolo II apparso stanco e dettosi profondamente emozionato, ha celebrato la Messa con 12 vescovi, rappresentanti dei 6 riti cattolici orientali. Il luogo, uno dei piu' sacri in assoluto per i cristiani, potrebbe tornare di proprieta' cattolica e, quindi, essere trasformato in santuario. Fonti della Custodia di Terra Santa, qui a Gerusalemme, sostengono che lo Stato di Israele si starebe preparando a dare il Cenacolo al Vaticano (era dei francescani, che ne furono cacciati nel 1551), in cambio della restituzione della chiesa di Santa Maria la blanca a Toledo, in Spagna, che era una sinagoga. La questione e' storicamente significativa della storia di queste zone: il Cenacolo fu, nel medio evo, il primo convento dei francescani in Terra Santa. Il Custode ha ancora oggi il titolo di custode del monte Sion. Cosi', fino al 1551, quando gli ottomani, sostenendo che al piano terra vi era la tomba del profeta David cacciarono i francescani e trasformarono il luogo in moschea. C'e' ancora la Mikhrab, la nicchia che indica la direzione della Mecca, davanti alla quale oggi e' stata posta una tenda e la sedia del Papa. PSA

  • VIDIMUS DOMINUM Terrasanta: padre Piccirillo, l'archeologia può condizionare il futuro
    Il francescano (OFM) che ha guidato il Papa sul monte Nebo, chiede di investire di più in cultura Gerusalemme (Israele), 23 marzo (VID) - E’ convinto che buoni archeologi, in Palestina siano più importanti di orfanotrofi per il futuro del cristianesimo. E non è un francescano qualsiasi a dirlo, ma Michele Piccirillo, archeologo di fama internazionale, lo stesso che ha fatto da guida al Papa in visita sul monte Nebo. E a lui si devono gli scavi a Wadi al Kharrar dove si pensa sorgesse la Betania al di là del Giordano dove battezzava Giovanni Battista e dove potrebbe esservi stato il Battesimo di Gesù. Anche il papa lo ha visitato. In un libro uscito questi giorni e pubblicato dalle Paoline, rispondendo a un giornalista sull’importanza di archeologi cristiani in Terrasanta, il religioso rileva come sia difficile tenere testa agli archeologi ebrei che sono preparatissimi e aiutati dallo Stato. Non vengono invece sostenuti gli scavi che riguardano memorie cristiane. "L’archeologia - spiega padre Piccirillo nelll’intervista pubblicata sul volume dal titolo "Saliamo a Gerusalemme" - soprattutto in questa terra dove tutto è religione, ha un valore assoluto: se correttamente utilizzata, potrebbe fare chiarezza ponendo fine a molte polemiche storiche. Per tutto questo è fondamentale la presenza di archeologi cristiani in Palestina, anche se il nostro ruolo è poco valorizzato, a cominciare dalla Chiesa stessa. Per parlare chiaro, lavoro basandomi solo su me stesso e sui miei pochi confratelli impegnati in questo campo nel disinteresse del Vaticano. Per fare orfanotrofi e scuole i soldi si trovano sempre ma, se uno chiede denaro per le ricerche archeologiche che possono aiutare a sviluppare, ad esempio, l’identità della presenza cristiana in Palestina, è certo di non trovarlo".

  • MEDIASETONLINE PAPA IN PREGHIERA AL CENACOLO
    GERUSALEMME - Giovanni Paolo II e' giunto alla Chiesa della Dormizione, sul monte Sion, per celebrare una messa privata nella sala dove si svolse l'ultima cena di Gesu'. Il Papa fara' poi visitera' i due rabbini capo, e succesivamente al presidente Ezer Weizman, nella sua residenza. Il Papa andra' poi allo Yad Vashem, il Museo dell'Olocausto, dove pronuncera' un atteso discorso. Nel pomeriggio partecipera' ad un incontro interconfessionale. (ANSA)

    Grazie al Papa il Cenacolo torna alla chiesa cattolica
    Giovanni Paolo II ha celebrato una messa nel luogo dove Gesù istituì il sacramento dell'Eucaristia: nell'occasione è stata ufficializzata la restituzione del Cenacolo alla chiesa cattolica. Attualmente il luogo sacro è adibito a sinagoga e viene utilizzato come cortile per gli alunni di una scuola di rabbini. I cristiani possono "usare" il Cenacolo solo tre volte l'anno.

    Il Papa si commuove rendendo omaggio alle vittime della Shoah
    Con un gesto senza precedenti, Giovanni Paolo II ha visitato la "tenda della rimembranza" di Yad Vashem a Gerusalemme. Durante la visita il Pontefice ha parlato di Auschwitz, della Polonia e dei suoi ricordi all'epoca del nazismo. Il Papa ha anche celebrato una messa nel luogo dove Gesù istituì il sacramento dell'Eucaristia: nell'occasione è stata ufficializzata la restituzione del Cenacolo alla chiesa cattolica.

  • CNN 'The memories remain' for pope's visit toHolocaust memorial
    John Paul II offers grief and sorrow, but no apology

  • ABCNEWS ‘Deeply Saddened’
    Pope John Paul II said that the Catholic church is "deeply saddened" by past anti-Semitism against Jews. But he offered no apologies for past church silence. Read our ongoing coverage.
    Remembering the Victims - Pope’s Holy Land Journey Takes Him to Holocaust Memorial . Pope John Paul II bows his head after laying a wreath in the Yad Vashem Holocaust Memorial's "Hall of Remembrances" as he honors the 6 million Jews exterminated by the Nazis during World War II.

    gpo



Created / Updated Friday, March 24, 2000 at 02:42:11