Franciscan Custody of the Holy Land - 10/03/2000 info: custodia@netvision.net.il
Latest additions
10/03/2000


CONFERENZA STAMPA

ROMA - Alle ore 13.00 di oggi, 10 marzo 2000, presso il "Centro Stampa" dell’Agenzia Romana per la Preparazione del Giubileo, si è svolta la Conferenza Stampa dell’Ambasciata di Israele presso la S. Sede, sul prossimo viaggio del Papa.

Sono intervenuti il Ministro Haim Ramon, incaricato del Gabinetto del Primo Ministro per Gerusalemme; l’Ambasciatore di Israele presso la S.Sede Aharon Lopez; il dott. Ariel Kenet del Dipartimento delle Religioni del Ministero degli Esteri; il dott. Isaac Herzog Segretario del Governo Israeliano; questa mattina il Ministro Ramon e seguito erano stati ricevuti in Udienza dal S. Padre in Vaticano.

Nel presentare l’imminente Pellegrinaggio del Papa, il Ministro Ramon ha sottolineato l’importanza e l’eccezionalità dell’evento dovuto al fatto che l’ospite non è solo un Capo di Stato, ma una figura che ha un ruolo di primaria importanza nell’opera di riconciliazione nel Medio Oriente. Giovanni Paolo II sarà in Terra Santa per 5 notti e 6 giorni — ha affermato Ramon — visiterà il Governo e il popolo israeliano da cui è atteso e stimato per la sua attenzione alla riconciliazione e l’opposizione all’antisemitismo. Il desiderio di Israele è che la Visita contribuisca allo sviluppo del processo di pace in Medio Oriente.

Quella che viviamo è una fase importante del dialogo tra Chiesa cattolica e Stato d’Israele — ha aggiunto Herzog — la Visita del S. Padre è parte integrante di questo processo di pace.

Le domande dei giornalisti si sono orientate prevalentemente a conoscere le misure di sicurezza adottate dal Governo israeliano per l’occasione. Questa visita non è paragonabile a quella di altri Capi di Stato, sia per l’importanza dell’Ospite, sia per i molti luoghi che saranno raggiunti dal S. Padre e dal suo seguito. A Gerusalemme e negli altri luoghi saranno impiegati circa 5.000 agenti di polizia e dell’esercito; la loro presenza sarà discreta: non si vedranno — ha affermato il responsabile per la sicurezza del Governo israeliano.

Abbiamo chiesto ai Palestinesi e a noi stessi Israeliani — ha affermato il Ministro Ramon — che la Visita del Papa sia occasione di pace e non strumento di dispute. La dimostrazione di questi desideri sembra realizzarsi nei rapporti di collaborazione già attivi tra Governo Israeliano e Autorità Palestinese per l’organizzazione dell’Accoglienza del Papa nel suo Pellegrinaggio ai Luoghi Santi.

Gianfranco Pinto Ostuni ofm e Clarencio Neotti ofm



Created / Updated Friday, March 10, 2000 at 22:52:54