franciscan cyberspot
Apertura e chiusura delle porte della Basilica

MENU

  * Inizio
  *Introduzione
  * Topografia
  * Cava
  * Tempio
  * Giardino
  * Bizantini
  * Gloria
  * 614-1009
  * 1009-1099
  * Crociati
  * Decadenza
  * Cristiani
  * Turchi
  * Di nuovo
  * Restauro
  * Francescani
  * La porte
  * Vigilia
  * Egeria
  * Liturgia
  * Costantino
SINTESI

  * Italiano
  * Français
  * Português,
  * Español


"Bussate e vi sarà aperto" (Mt 7,7)"

Molti pellegrini che visitano la Terra Santa e, naturalmente, anche la basilica del Santo Sepolcro non sanno fino a che punto arrivi lo "Status Quo" nel descrivere esattamente persino il tempo e il modo dell'apertura della porta principale della basilica. Come abbiamo già ricordato, le chiavi della basilica rimangono presso due famiglie musulmane (Judeh e Nuseibeh). Le porte vengono infatti chiuse dal di fuori!

L'apertura della porta della basilica costituisce una cerimonia a sé stante. Essa può darci una idea delle difficoltà che lo "Staus Quo" impone alle comunità residenti all'interno della basilica. Fino al 1831 l'apertura e la chiusura della porta si faceva unicamente dopo il pagamento di una tassa, che fu abolita in quell'anno medesimo da Ibrahim Pasha.

Vi sono tre specie di « apertura »: l'apertura semplice, quella solenne e quella dei tre riti simultaneamente.

L'apertura semplice si ha quando il sacrestano della comunità che intende aprire la porta compie, da solo, tutte le cerimonie descritte nel nostro fotoservizio, e si apre un solo battente della porta.

L'apertura solenne avviene nello stesso modo ma con l'apertura di tutti e due i battenti: il sacrestano apre quello di sinistra e il portinaio musulmano quello di destra.

L'apertura solenne simultanea si verifica quando i tre riti hanno, nello stesso giorno, ingresso solenne, il che avviene nei sabati di quaresima. Allora tutti i movimenti per l'apertura debbono essere compiuti simultaneamente da tutti e tre i sacrestani.

Per capire appieno questo "rituale" che può apparire singolare ad occhi profani date uno sguardo alla serie di sei immagini che sono presentate qui sotto. Possiamo sintetizzare l'azione in questa maniera: dall'interno della basilica il sacrestano passa la scala al portinaio musulmano attraverso un piccolo sportello. Il portinaio sblocca prima il lucchetto inferiore e poi quello superiore. A questo punto che il portinaio spalanca il battente di destra della porta.

Tutti i giorni in cui non ci sono feste o circostanze particolari apertura alle ore 4 a.m. e alle 12,30; chiusura alle 11,30 e, alla sera, sempre se non ci sono feste od altre ragioni speciali, un quarto d'ora dopo il tramonto. Se per una ragione qualsiasi una delle tre comunità non vuol chiudere la porta, a mezzogiorno deve dare al portinaio una somma pari al costo di un pranzo. Per la chiusura serale della Basilica, le tre Comunità, hanno stipulato un accordo che prevede una chiusura ad ore variabili, comprese tra le 17.45 in dicembre e le 20 in Luglio.

Ogni sera al momento della chiusura tutti e tre i sacrestani sono presenti e si mettono d'accordo su chi aprirà il giorno dopo: colui che avrà il diritto di apertura prende la scala e l'appoggia al centro della porta chiusa: con questo segno prende il possesso della porta per il giorno dopo. Naturalmente per la chiusura, tanto semplice quando solenne, vale lo stesso cerimoniale dell'apertura, ma a ritroso.

Anche riguardo l'apertura e chiusura di questa porta le comunità godono di diversi privilegi. Ecco quelli riguardanti i latini:

Nei sabati di quaresima, la notte di Pasqua, della festa della S. Croce, del Corpus Domini i latini possono aprire la Basilica alle 22,30 per permettere alla Comunità di S. Salvatore e ai fedeli di assistere agli uffici notturni; la porta rimane poi aperta fino alle 11,30 del giorno seguente.

Il Giovedì Santo vi è un particolare diritto dei francescani. Verso l'1.30 p.m. i due portinai del S. Sepolcro si recano al Convento di San Salvatore e consegnano la chiave della Basilica al Padre Vicario Custodiale. Questi, con il Padre incaricato dei Luoghi Santi ed i due portinai si reca al S. Sepolcro ed il P. Vicario dà la chiave al portinaio affinché apra la Basilica per l'ingresso solenne del Patriarca Latino. La Basilica viene aperta per tre volte (per una decina di minuti) per permettere al Patriarca ed ai fedeli di entrare ed uscire dopo le varie cerimonie. Verso le 19 i francescani aprono nuovamente la Basilica per i frati del Convento di San Salvatore che scendono per l'Adorazione, e subito dopo si chiude.

Tutte le volte che si richiede una "apertura" è necessario pagare una tassa che varia a seconda del genere della stessa. Per un'apertura semplice si pagano 8 piastre, per quella solenne 16; quando poi le tre comunità aprono simultaneamente ciascuna di esse deve pagare la somma stabilita e dare ai portinai due lunghe candele ed altri regalucci.

Sequenza fotografica che illustra la cerimonia della "apertura della porta"


opening the door ceremony 1

1. Dall'interno della chiesa il sacrestano passa la scala al portinaio musulmano attraverso un piccolo sportello nella porta.

opening the door ceremony 2

2. Il portinaio musulmano riceve la scala fuori della porta

opening the door ceremony 3

3. Il portinaio apre il lucchetto inferiore

opening the door ceremony 4

4. il portinaio apre il lucchetto superiore

opening the door ceremony 5

5. Il portinaio spalanca il battente di destra della porta

opening the door ceremony 6

6. Da sinistra a destra: Il sacrestano francescano, l'armeno, il portinaio musulmano, il sacrestano greco e un altro sacrestano francescano

  


 

© Text prepared by John Abela ofm based on articles and research by Virgilio Corbo ofm, Michele Piccirillo ofm and Eugenio Alliata ofm
Hi-Res pictures prepared by Michael Olteanu - Other pictures prepared by John Abela ofm and Michael Olteanu
B&W pictures courtesy of SBF-Jerusalem Archives - A joint project betweeen the Franciscans and Christusrex

Please fill in our Guest book form - Thank you for supporting us!
Created / Updated Saturday, March 10, 2005 at 20:31:24 by John Abela ofm, E.Alliata, Marina Mordin
Web site uses Javascript and Cascading Style Sheets - Space by courtesy of Christus Rex
logo

cyber logo footer